Ha scatenato polemiche sui social la gaffe di Mara Venier durante l’intervista a Patty Pravo nell’ultima puntata di Domenica In. Tutto è iniziato con una considerazione della conduttrice: “Ma tu lo senti questo amore per il pubblico? Noi abbiamo quasi tutti amici gay, i nostri fantastici amici gay, li salutiamo senza fare nomi. Tu sei un’icona per loro”, ha detto la Venier alla cantante riferendosi agli amici che hanno in comune. “Sì, ma tu sei sposata e io sono così“, ha replicato Patty Pravo, autrice di “Pensiero Stupendo“, inno all’amore libero e molto “fluido” che all’epoca della sua pubblicazione, nel 1978, fece scalpore. Al che Mara Venier si lascia sfuggire una gaffe: “Sono sposata, ma mio marito è normale…no, nel senso…va beh… ma lui cosa c’entra con questo discorso? – ha detto accortasi della gaffe – Volevo dire che adesso i tuoi amici gay sono diventati la tua famiglia e comunque tu pensa ai tuoi cinque mariti!”, ha rilanciato poi rivolgendosi alla cantante nel tentativo di cambiare discorso e uscire dall’imbarazzo.

Insomma, la Venier si è accorta subito dell’errore e ha cercato di rimediare ma la sua uscita non è sfuggita al pubblico e sui social si sono scatenate le polemiche. Su Twitter infatti molti utenti hanno fatto notare lo scivolone: “Ricordiamo a Zia Mara che il contrario di omosessuale è etero, non normale, che scivolone”, “Mara Venier che dice mio marito è ‘normale’ per dire che non è gay, la dice tutta sulla partecipazione alla causa da parte di queste signore dello spettacolo”. E ancora: “Mio marito è normale, Twitter ha già ammazzato Zia Mara?”, “Parlando degli amici gay con Patty Pravo, Mara Venier a ‘Domenica In’, precisa: mio marito è normale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fabio Volo e la frase su Fiorello. “Merde farabutti disonesti”: ecco gli insulti pubblici che abbiamo ricevuto dal conduttore per il titolo sbagliato. E la nostra risposta

next
Articolo Successivo

Live Non è la D’Urso, Paolo Brosio: “Preti che abusano di minori? Chi se ne frega di questi casi”

next