Le sirene dei Vigili del fuoco e l’applauso della gente in lacrime ha accompagnato l’arrivo delle salme dei vigili del fuoco morti nell’esplosione di Quargnento nella cattedrale di Alessandria, dove il vescovo, monsignor Guido Gallese, ha celebrato i funerali. I feretri sono stati portati a spalla dai colleghi delle tre vittime dalla vicina piazza della Libertà tra due ali di folla. “Bisogna capire perché e chi ha fatto questo” ha detto il comandante provinciale dei vigili del fuoco di Alessandria, Roberto Marchioni, dall’altare della cattedrale, di fronte ai feretri dei tre pompieri morti. “Siamo passati dalla speranza che tutto si risolvesse per il meglio al rendersi conto che non sarebbe andata così – spiega commosso – all’incredulità e poi alla rabbia“. Alla cerimonia ha partecipato anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. Il premier ha incontrato e abbracciato i famigliari di tre vigili, rivolgendo loro le condoglianze

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Predappio, il Comune rifiuta i fondi per la visita delle scuole ad Auschwitz. Il sindaco: “Niente soldi pubblici per progetti di parte”

next
Articolo Successivo

Milano, carabinieri stroncano rete di truffatori legati al clan Contini. Ecco come funzionava il raggiro

next