Un ex parroco francese, dal 2009 sospeso dai superiori con l’accusa di molestie su chierichetti, è stato trovato morto in casa lunedì scorso, soffocato da un crocifisso nella gola. Per l’omicidio è stato fermato un sospetto, di 19 anni, che non può al momento essere interrogato perché in stato di “alterazione e delirio“. Secondo fonti riportate da Le Parisien potrebbe essere legato alle accuse di abuso.

Ieri sera, decine di fedeli che a Froissy, in Picardia, a nord di Parigi, avevano partecipato alle messe celebrate per oltre 40 anni dal parroco, Roger Matassoli, si sono riuniti nella parrocchia per una veglia di preghiera. Nessuno di loro sospettava che il reverendo fosse stato sospeso per molestie e violenze sessuali, come certificato dal vescovo Jacques Benoit-Gonnin.

Il parroco era stato anche denunciato, ma i fatti – relativi a due ragazzini fra i 10 e i 14 anni – risultarono prescritti. Nulla lascia pensare che Alexandre, il diciannovenne arrestato e ricoverato in ospedale per disturbi psichiatrici, abbia subito abusi sessuali. Ma il parroco “era molto vicino alla famiglia“. L’inchiesta cerca di appurare se qualcuno, vicino ad Alexandre, possa essere stato vittima di violenze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Falso allarme dirottamento ad Amsterdam, l’imbarazzo del pilota: “Scusate, c’è stato un errore”

next
Articolo Successivo

Ladro lo minaccia col pugnale e il calciatore reagisce: spunta un nuovo video dell’aggressione a Ozil e Kolasinac

next