Huawei Nova 5T è il nuovo smartphone di fascia media dell’azienda cinese. Ricopre un ruolo strategico per il brand, in quanto è il primo dispositivo che arriva in Europa dopo la presentazione del Mate 30 Pro. Quest’ultimo, a causa della questione ancora aperta con gli Stati Uniti, è basato su una versione di Android senza servizi Google: non è possibile utilizzare il Play Store per scaricare tutte le applicazioni, né tantomeno Gmail, YouTube, Maps.

Discorso differente invece per il Nova 5T, che invece può contare sulla versione di Android – così detta commerciale – a cui tutti siamo abituati. Nessun problema dunque, con questo smartphone, per scaricare servizi come WhatsApp, Instagram e Facebook dal negozio di applicazioni di Google. In più, è possibile utilizzare i vari YouTube, Gmail, Maps. Insomma, tutto come al solito.

Per acquistarlo sono necessari 429 euro, un po’ troppi se consideriamo quanto offerto, nella medesima fascia di prezzo, dai diretti concorrenti. Tra questi, i più agguerriti sono senza dubbio il Mi 9T Pro e il Mi 9, entrambi della cinese Xiaomi, che integrano specifiche tecniche migliori del Nova 5T. In ogni caso, la nuova creatura di Huawei è in grado di offrire un’esperienza utente perfetta per un determinato segmento di utenti.

I due punti di forza infatti sono l’autonomia e il comparto fotografico. Con un utilizzo normale infatti, è possibile coprire serenamente due giorni di utilizzo lontani dalla presa elettrica. In più, nel caso fosse necessario, il Nova 5T può essere ricaricato molto velocemente, in quanto è compatibile con la ricarica rapida a 22,5 Watt. Per sfruttare questa caratteristica, basta utilizzare il caricabatterie incluso nella confezione di vendita.

Questa autonomia – non così comune in ambito smartphone ormai – è resa possibile dalla combinazione di diversi fattori. Innanzitutto c’è una batteria capiente da 3.750 mAh (milliamperora): pensate, iPhone 11 Pro ne a a disposizione una da 3.046 mAh. In secondo luogo, il processore che muove questo smartphone (è il Kirin 880, progetto direttamente da Huawei e accoppiato a 6 Gigabyte di RAM) consuma poca energia, senza però rinunciare a prestazioni di buon livello.

Da questo punto di vista, il Nova 5T infatti convince. Risulta sempre fluido e scattante nelle operazioni quotidiane, ma anche quando viene messo sotto stress, magari con un videogioco. In più lo schermo da 6,26 pollici ha risoluzione pari a 1.080 x 2.340 pixel, per cui sufficientemente elevata per il classico utilizzo da smartphone ma, allo stesso tempo, non così alta da impattare negativamente sull’autonomia.

Il display inoltre si vede molto bene all’aperto, ha una buona luminosità e, grazie al trattamento oleofobico del vetro anteriore, si sporca difficilmente. In più, sull’angolo in alto a destro dello schermo c’è un vero e proprio foro, all’interno del quale è stata letteralmente incastonata la fotocamera anteriore. Una soluzione non così originale, vista già in tanti altri smartphone, ma che consente di non avere quella “tacca” superiore in stile iPhone.

Per quanto riguarda la parte costruttiva, lo smartphone è realizzato totalmente in vetro e metallo e questo, inevitabilmente, lo rende scivoloso quando lo si tiene tra le mani. Il suggerimento dunque è quello di utilizzarlo con una cover, che però non è fornita nella confezione di vendita. Si riesce comunque a utilizzare con una sola mano e abbiamo apprezzato particolarmente il posizionamento del sensore per il riconoscimento delle impronte digitali.

Quest’ultimo infatti è stato integrato nel tasto di accensione, sul sinistro, in un punto in cui le dita si poggiano naturalmente. In più, il sensore funziona molto bene, riconosce l’impronta sempre al primo colpo e consente di sbloccare velocemente lo smartphone. C’è comunque la possibilità di utilizzare il riconoscimento facciale, ma non è evoluto come il Face ID di Apple e al buio non funziona benissimo.

Infine, l’altro punto di forza, ovvero il comparto fotografico. Sul retro ci sono ben quattro fotocamere, con la principale che può contare su un sensore da 48 Megapixel. La presenza di tutte queste fotocamere serve a fornire all’utente la massima versatilità di utilizzo: è possibile fare foto estremamente ravvicinate e perfettamente a fuoco; nel caso in cui si abbia la necessità, ad esempio, di immortalare un monumento, si può utilizzare il grandangolo; senza dimenticare l’alta risoluzione del sensore principale.

Le immagini scattate di giorno sono ricche di dettagli, che invece si perdono un po’ di notte, soprattutto quando si utilizza il grandangolo. In generale però, si tratta di un comparto fotografico di tutto rispetto, che si comporta bene anche con la fotocamera anteriore da ben 32 Megapixel e con la registrazione dei video, che possono essere realizzati in 4K a 30 fps (fotogrammi al secondo).

Il Huawei Nova 5T è dunque lo smartphone ideale per chi ha bisogno di tanta autonomia e di un buon comparto fotografico. I 429 euro richiesti di listino sono un po’ troppi, ma è molto probabile che questa cifra cali già nelle prossime settimane. In più, acquistandolo fino al 15 novembre attraverso lo store ufficiale di Huawei, si riceveranno in regalo i FreeBuds 3 Lite, auricolari true wireless simili agli AirPods di Apple. Insomma, uno smartphone che potrebbe rappresentare un buon regalo di Natale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le smart TV Samsung più datate perderanno Netflix da dicembre, ma le soluzioni non mancano

prev
Articolo Successivo

Xiaomi entra nel mondo dei televisori anche in Europa e porta in Italia uno smartphone con fotocamera da 108 Megapixel

next