L’ormai ben noto bando statunitense contro Huawei ha obbligato l’azienda cinese a correre ai ripari per offrire agli utenti alternative ai servizi di Google. Uno di questi è l’assistente vocale Google Assistant, a cui adesso c’è l’alternativa Huawei Assistant.

È stato annunciato in occasione della presentazione di Mate 30 e Mate 30 Pro, ora è disponibile per chi vuole provarlo. È compatibile con gli smartphone Huawei e Honor aggiornati almeno alla versione EMUI 9.1, e per scaricarlo è sufficiente collegarsi al sito dedicato, scaricare e installare l’APK. Per procedere è necessario attivare l’impostazione “Consenti installazione da sorgenti sconosciute”, che in questo caso non mette a rischio la sicurezza del prodotto. Si ricorda che l’applicazione si può disinstallare in qualsiasi momento.

Terminata l’installazione, apparirà la schermata dedicata. Per accedere successivamente a Huawei Assistant, sulla schermata principale basterà far scorrere un dito da sinistra verso destra. Saranno a portata di mano tutte le funzioni tipiche dell’assistente vocale, come la ricerca all’interno del sistema, il meteo, le app preferite, le notizie aggiornate e altro.

Analogamente agli altri assistenti vocali, anche quello di Huawei ha lo scopo di semplificare e accelerare la ricerca di ciò che interessa all’utente. Huawei raggruppa i risultati in una sola schermata, con la seguente logica. Per la ricerca globale c’è la classica barra di ricerca, che consente di cercare contatti, app, appuntamenti, email, eccetera.

Appena sotto alla barra di ricerca ci sono le cosiddette scorciatoie per i collegamenti rapidi. È l’area “Accesso Istantaneo”, personalizzabile dall’utente sia nei collegamenti sia nella posizione. “SmartCare” mostra Calendario, Meteo, Chiamate Perse, Utilizzo del telefono e Consumo Dati. L’ultima categoria è “NewsFeed”, che come suggerito dal nome mostra le notizie in base alle impostazioni di lingua e Regione.

Huawei Assistant è ancora in fase beta, per questo Huawei chiede agli utenti che lo vorranno provare di segnalare eventuali problemi. Nel nostro caso, per esempio, non riusciamo a visualizzare la scheda Meteo. Il contributo è volontario e non è del tutto gratuito: per incentivare la collaborazione, Huawei ha istituito il concorso “Be an early bird” con in palio un P30 Pro a settimana. Per partecipare basta pubblicare un commento sulla pagina Facebook Huawei Mobile Service Fans Club (EU), anche in lingua italiana.

La campagna è valida fino al 1 gennaio 2020 e ogni settimana sarà annunciato un vincitore. Per consultare il regolamento basta collegarsi a questa pagina.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Philips Brilliance 499P9H è il monitor curvo da 49 pollici per la massima produttività

next
Articolo Successivo

Smartphone LG G8X ThinQ con doppio schermo arriva in commercio dal 1 novembre

next