di Lorenzo Giannotti

Al Lucca Comics & Games, importante fiera internazionale dedicata al mondo dei fumetti e dei videogiochi, un gruppetto di ragazzi che si travestono da nazisti suscita lo sdegno e la reazione netta del Comune e dell’ente organizzativo dell’evento. Alessandro Tambellini, sindaco di Lucca in quota centrosinistra (Pd) dal 2012, non si fa attendere: “L’accaduto non è in alcun modo in relazione con il festival, né con le community cosplay, né con alcuna rievocazione storica. Nessun evento della manifestazione, nessun partner, nessuna attività collaterale è coinvolta in questo gesto dei ragazzi. Il pubblico presente ha immediatamente condannato il gesto e la security li ha prontamente allontanati dall’area, senza l’intervento delle forze dell’ordine, comunque già allertate. Ricordiamo inoltre che il tema a cui è dedicato il festival quest’anno è Becoming Human, un forte richiamo a riscoprire il nostro lato umano, alla valorizzazione della vicinanza, dei sentimenti e della tolleranza”.

Un travestimento abietto, sicuramente non adatto e censurabile, anche se i ragazzi forse non hanno agito con dolo, ma solo con poca lungimiranza e attenzione. Comunque giusta la presa di posizione del comune di Lucca e del sindaco. Sempre all’interno del solito evento va in scena un diverso tipo di barbarie: ragazzi e ragazze che si trovano a lavorare, consentendo il regolare svolgimento della manifestazione, con paghe che oscillano dai 4,60 ai 3,40 euro all’ora, 10 ore di lavoro notturno retribuite sì e no 34 euro, totale assenza di servizi igienici riservati e neanche l’ombra di un buono pasto. Le paghe orarie sono vertiginosamente diminuite nel corso degli anni fino ad arrivare a livelli inaccettabili e che non dovrebbero esistere in un paese civile, proprio come non dovrebbero esistere ragazzini agghindati da SS.

Cosa ne pensano il sindaco e il comune di Lucca dei loro ragazzi pagati una miseria, con cifre indecenti, per lavorare a un grande e importante evento della propria città? Un esempio plastico di come la sinistra faccia fatica a parlare dei lavoratori e dei loro diritti. Una dimostrazione concreta di come la sedicente sinistra italiana abbia abbandonato il tema dei diritti dei lavoratori a vantaggio dei diritti civili: meritori, nobili, lodevoli, ma che da soli non bastano. Poi ci si stupisce se gli operai votano Matteo Salvini, almeno lui ha il buon cuore di farsi chiamare destra. La sinistra ricominci a condurre le battaglie per cui è nata, altrimenti la smetta di usurpare quel nome.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Gioco d’azzardo, lo Stato schizofrenico lo alimenta. Purché si faccia cassa

prev
Articolo Successivo

Commissione Segre, un passo importante contro l’estremismo di gruppo. E non solo

next