La storia di Marcella Di Folco, all’anagrafe Marcello, inizia in un quartiere di Roma nel 1943 e prosegue in una lunga ricerca che la porterà a diventare pienamente donna nel 1980, dopo un intervento chirurgico a Casablanca. A raccontare in un libro, intitolato Storia di Marcella che fu Marcello (edito da La Nave di Teseo), le esperienze eclettiche di Marcella, che fu attrice nei film di Fellini e Rossellini, prostituta a Bologna, ma anche attivista politica alla guida del Mit, il Movimento italiano transessuali, è Bianca Berlinguer, giornalista e conduttrice del programma Cartabianca su Rai3. Alla presentazione al Libraccio di Roma, erano presenti la scrittrice e politica italiana Vladimir Luxuria, il fondatore del gruppo Abele e presidente dell’associazione antimafia ”Libera” don Luigi Ciotti e la deputata di Forza Italia, Mara Carfagna.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Liliana Segre e gli attacchi social: “Gli hater? Persone per cui avere pena, vanno curate”. La Procura indaga sugli insulti alla senatrice

prev
Articolo Successivo

Campi nomadi, la ‘rivoluzione’ annunciata dal Piemonte è solo un danno mortale all’inclusione

next