La California continua a bruciare e la situazione si sta facendo così critica da far scattare lo stato di emergenza. Il governatore Gavin Newsom ha annunciato che si impegna a usare “ogni risorsa a disposizione” per combattere gli incendi, per i quali sono state evacuate 200mila persone. Tra loro anche il campione dei Los Angeles Lakers e star della Nba, LeBron James, costretto a fuggire nottetempo dalla sua dimora e a vagare a lungo in auto con la famiglia alla ricerca di una sistemazione temporanea in albergo. Non tutti i milionari californiani hanno avuto questa problema: stando ad alcuni articoli di stampa apparsi sul New York Times e il New York Post, infatti, i più benestanti hanno ingaggiato a 3mila dollari al giorno pompieri privati a protezione delle loro proprietà.

Alcuni testimoni riferiscono di una “apocalisse”, di qualcosa “mai visto prima”. I forti venti stanno rendendo difficile gli sforzi dei pompieri, impegnati 24 ore su 24: le fiamme sono infatti contenute solo al 10% e a causa loro 2,7 milioni di abitanti sono al buio, in quello che è il maggiore blackout volontario della storia. “Siamo in una posizione difensiva contro Madre Natura”, dice il portavoce dei pompieri, Jonathan Cox, assicurando comunque che le evacuazioni si sono svolte senza intoppi. Il timore delle autorità è che le fiamme, complici i venti, possano dilagare ulteriormente, spingendosi in aree che non bruciano da decenni e quindi con una vegetazione rigogliosa.

Nelle strutture allestite per ospitare gli evacuati, la Croce Rossa e i volontari prestano soccorso e aiuto. “Stiamo usando tutte le nostre risorse e ci stiamo coordinando con diverse agenzie per la risposta più adatta. È essenziale che coloro che si trovano nelle aree da evacuare seguano gli ordini”, dice il governatore Newsom. I ricchi californiani per il momento non sono scossi dalle fiamme, divampate mercoledì in seguito al malfunzionamento di una linea dell’utility PG&E. Per loro infatti, a 3mila dollari al giorno, come raccontato dai media Usa e accaduto già negli incendi del 2018 con la villa di Kim Kardashian e Kanye West, sono disponibili pompieri privati per cercare di tenere al sicuro le loro proprietà milionarie.

Non LeBron James, che ha raccontato la sua notte in fuga dalle fiamme su Twitter. L’incendio che lo ha costretto ad abbandonare la sua dimora è scoppiato nella notte tra domenica e lunedì l’autostrada 405 e potrebbe minacciare anche il Getty Center, il museo di Los Angeles che ospita preziose opere d’arte. Non a caso il nuovo rogo è stato chiamato The Getty Fire e ha costretto il centro ad attivare le procedure di emergenza. Le autorità locali hanno deciso anche l’evacuazione obbligatoria e la chiusura delle scuole nelle vicinanze del museo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Al Baghdadi morto, ecco il possibile successore: Abdullah Qardash, ex ufficiale di Saddam passato dalle prigioni americane

next
Articolo Successivo

Argentina e Ecuador sono negli artigli del ‘condor’. Ora la Bolivia è l’ultima trincea

next