La California continua a bruciare e a 50.000 persone nell’area di Sonoma, popolare per la produzione dei vini, è stato chiesto di evacuare a causa delle fiamme. Il Kincade Fire è scoppiato mercoledì notte nell’area e ha già mandato in fumo 10.301 ettari di terreno. Solo il 10% delle fiamme è sotto controllo.

Oltre all’incendio lo stato della California rischia di rimanere anche al buio. La società che fornisce elettricità e gas potrebbe infatti staccare la corrente a quasi 3 milioni di persone per prevenire il diffondersi delle fiamme a causa dei forti venti.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Catalogna, 350mila in piazza a Barcellona: “Liberate i leader indipendentisti”. In serata scontri tra la polizia e i manifestanti

next
Articolo Successivo

Spagna, la riesumazione di Franco pone fine all’oltraggio delle vittime. Perdonare sì, dimenticare mai

next