Chi possiede un iPhone 5 deve necessariamente installare l’aggiornamento al sistema operativo iOS 10.3.4 entro il 3 di novembre. Chi non provvederà per tempo non avrà più accesso ad App Store, iCloud, Mail, Safari e a molte altre app che richiedono il collegamento a Internet. Ricordiamo che gli iPhone 5 sono gli smartphone Apple disponibili da settembre 2013, quindi sono piuttosto datati ma ce ne sono ancora tantissimi in circolazione.

La novità è scritta a chiare lettere in un documento pubblicato da Apple nella pagina del supporto ufficiale. Si legge che “a partire dalle 13 del 3 novembre 2019, iPhone 5 richiederà un aggiornamento iOS per mantenere una posizione GPS precisa e continuare a utilizzare le funzioni che si basano sulla data e l’ora corrette, inclusi App Store, iCloud, e-mail e la navigazione Web. Ciò è dovuto a problemi di roll-over GPS che hanno iniziato a interessare i prodotti abilitati GPS di altri produttori il 6 aprile 2019″.

Crediti: iclarified.com

La spiegazione sembra criptica, in realtà la questione è piuttosto semplice. Il conteggio del tempo GPS avviene in cicli di 1.023 settimane, al termine delle quali il ciclo si azzera e riprende da capo. L’azzeramento può creare problemi nel conteggio del tempo, che riguarda non solo l’ora esatta ma una lunga serie di funzioni del dispositivo. Nel caso specifico di iPhone 5 con sistemi operativi datati i problemi si presenteranno poco prima della mezzanotte del 3 novembre. Per evitare malfunzionamenti prevenibili Apple impone quindi l’aggiornamento a un sistema operativo recente.

Anche chi non legge le notizie di tecnologia ne sarà informato, perché nelle scorse ore l’azienda di Cupertino ha fatto apparire una finestra popup su tutti gli schermi di iPhone 5 a potenziale rischio, allertando gli utenti sulla necessità e l’importanza di effettuare l’aggiornamento entro il termine stabilito.

Chi non effettuerà questa operazione per tempo non potrà più sfruttare applicazioni che richiedono la connessione a Internet, tra cui anche App Store e Safari. Queste non saranno più disponibili, e il ripristino sarà possibile solo tramite un computer.

Lo stesso discorso è valido anche per i tablet iPad di quarta generazione. Chi possiede iPhone 4s, iPad mini (prima generazione), iPad 2 e iPad 3 sarà invece costretto ad aggiornare il dispositivo ad iOS 9.3.6.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Un algoritmo europeo renderà più sicure le auto a guida autonoma

next
Articolo Successivo

Adobe Creative Cloud: 7,5 milioni di utenti a rischio di phishing per un database non protetto pubblicato online

next