In contemporanea con l’emergenza ambientale, è scoppiata quella turistica. Da bravi esterofili quali siamo, anche noi italiani abbiamo iniziato a usare il termine anglosassone che la definisce: overtourism. Potrei snocciolare una serie di numeri per inquadrare il fenomeno, ma devierei dall’obiettivo di questo articolo, che è quello di fornire soluzioni all’emergenza da “eccesso turistico”.

Mi limito a riferirvene solo un paio, forse i più clamorosi. Uno: nel 2018 il turismo di massa ha generato un indotto monstre di 8.800 miliardi di dollari l’anno. Risultato? Tanti soldi nelle casse delle amministrazioni locali e dei privati collegati all’attività ricettiva ma: residenti sul piede di guerra (Barcellona), infrastrutture compromesse (Kyoto), emergenza abitativa (Bologna), attrazioni impossibili da visitare (Dubrovnik). E l’elenco potrebbe andare avanti ad infinitum. Due: l’eccesso di turismo è responsabile dell’8% delle emissioni globali di gas serra. Si tratta dunque di un tema strettamente correlato con le tematiche ambientali.

La questione è complessa e può apparire fuori da ogni controllo. Soprattutto se si pensa che l’Organizzazione mondiale del turismo prevede nel 2030 due miliardi di persone in viaggio. La “colpa” è anche di alcuni paesi come la Cina, dove si sta formando una classe media incline a spostarsi. L’Istituto di ricerca cinese sul turismo estero ci dice, ad esempio, che i 145 milioni di cinesi che viaggiavano nel 2017 diventeranno 400 milioni entro il 2030.

Occorre quindi iniziare a darci un taglio, sia in Italia che all’estero, per evitare il sovraffollamento delle città d’arte, di mare e in generale di tutte le destinazioni percepite come mete fortemente turistiche. Queste sono le misure su cui bisogna puntare, anche a costo di risultare impopolari.

Viaggi, bisogna dare un taglio all’overtourism. Ecco dodici misure su cui bisogna puntare

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il giro del mondo in barcastop, qualcuno l’ha fatto e bisogna essere pronti a tutto

next
Articolo Successivo

Idee: Alezio, e la scoperta della rilassante (e alternativa) campagna del Salento

next