La magistratura del Bangladesh ha condannato a morte 16 persone ritenute responsabili dell’omicidio di Nusrat Jahan Rafi, una ragazza di 19 anni che è stata bruciata viva nell’aprile scorso per aver presentato una denuncia per molestie sessuali contro un funzionario della sua scuola coranica. La sua morte aveva suscitato scalpore e scatenato proteste nel Paese. I 16 imputati, compreso l’insegnante della ragazza e tre suoi compagni, erano stati processati a giugno da un tribunale speciale nel distretto di Feni (sud-est).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, sondaggio World Jewish Congress: “Il 27% dei tedeschi ha pensieri antisemiti”

next
Articolo Successivo

Crollo di Wall Street, 90 anni fa aveva inizio la Grande Depressione. E la colpa è sempre del mercato

next