La magistratura del Bangladesh ha condannato a morte 16 persone ritenute responsabili dell’omicidio di Nusrat Jahan Rafi, una ragazza di 19 anni che è stata bruciata viva nell’aprile scorso per aver presentato una denuncia per molestie sessuali contro un funzionario della sua scuola coranica. La sua morte aveva suscitato scalpore e scatenato proteste nel Paese. I 16 imputati, compreso l’insegnante della ragazza e tre suoi compagni, erano stati processati a giugno da un tribunale speciale nel distretto di Feni (sud-est).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, sondaggio World Jewish Congress: “Il 27% dei tedeschi ha pensieri antisemiti”

next
Articolo Successivo

Crollo di Wall Street, 90 anni fa aveva inizio la Grande Depressione. E la colpa è sempre del mercato

next