“È in corso un colpo di Stato“. Il presidente della Bolivia, Evo Morales, attacca in conferenza stampa i manifestanti scesi in piazza contro la sua rielezione macchiata, a loro dire, da brogli elettorali e dichiara lo stato d’emergenza: “Denunciamo di fronte al popolo boliviano e al mondo che è in corso un colpo di Stato – ha detto – La destra, con l’appoggio internazionale, ha preparato un golpe. Voglio innanzitutto dire al popolo boliviano che siamo in stato di emergenza”. Poi ha invitato i movimenti sociali a una “mobilitazione pacifica e costituzionale per difendere la democrazia”.

Morales ha affermato che gestirà le violenze registrate in questi giorni con pazienza e umiltà per evitare scontri: “Non siamo entrati nello scontro e non vi entreremo mai”, ha detto.
Il presidente ha spiegato che “il colpo di Stato” è iniziato con le violenze che hanno cercato di fermare il conteggio dei voti, non fornendo le necessarie garanzie all’organo elettorale per concludere tale processo e nel tentativo di far vincere un presidente illegittimo. Morales ha confermato che il suo partito, il Movimento per il Socialismo (Mas), attenderà i risultati finali ufficiali sulle elezioni generali di domenica scorsa e ha chiesto alle organizzazioni internazionali di schierarsi in difesa della democrazia.

Il Comité Pro Santa Cruz ha intimato al Tribunale supremo elettorale (Tse) di pubblicare entro mercoledì alle 12 il risultato completo delle presidenziali, con lo svolgimento di un ballottaggio, come prospettato da un rapporto dell’Organizzazione degli Stati americani (Osa). In caso contrario, si procederà a riconoscere come presidente “quello per cui i boliviani hanno votato”, Carlos Mesa, il principale avversario di Morales.

Dando conto delle numerose manifestazioni promosse ieri dall’opposizione, formata dai comitati civici e dalla Conade, il quotidiano La Razon riferisce di dichiarazioni del presidente del Comité Pro Santa Cruz, Luis Fernando Camacho, secondo cui se Morales si insedierà al potere nuovamente il 22 gennaio 2020, “organizzeremo un cabildo (assemblea popolare) per disconoscere Morales e riconoscere il presidente (Mesa ed il suo vice Gustavo Pedraza) per cui i boliviani hanno votato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grecia, barca di migranti si scontra con nave della Guardia Costiera al largo di Kos: morto bimbo di tre anni. Tre persone disperse

next
Articolo Successivo

Germania, sondaggio World Jewish Congress: “Il 27% dei tedeschi ha pensieri antisemiti”

next