Roma e la sua amministrazione restano un problema, ma non la sindaca Raggi. E’ una esperienza alla quale sicuramente potevamo e dovevamo aspettarci molto di più. Non è un problema personale della Raggi, ma è un progetto guidato dalla Raggi. E in qualche modo siamo tutti corresponsabili come M5s. E’ stata certamente una esperienza difficile e faticosa, che non ha dato tutto quello che si aspettavano i cittadini da questo cambiamento da loro votato qualche anno fa”. Sono le parole del ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, intervenendo stamattina a “Omnibus”, su La7.

Il politico 5 Stelle si pronuncia anche sul futuro del governo Conte Bis: “Chiunque si assuma la responsabilità di far cadere questo esecutivo, si prende una responsabilità enorme. A far cadere un governo sono bravi tutti. E’ stato bravo anche Salvini in questo, ma quello che succede dopo non si sa mai. Quando si apre una crisi, non si sa dove si va a finire. Salvini aveva scritto nella sua mente un film meraviglioso, che però non si è realizzato. E’ riuscito solo a fare la prima parte, cioè a far cadere il governo. Penso che, se dovesse cadere questo governo, il rischio molto forte sarebbe quello di andare a elezioni – continua – Non credo affatto che il problema sia cambiare il presidente del Consiglio. Sarebbe molto strano far un governo con un presidente del Consiglio diverso e la stessa maggioranza. Chi potrebbe aprire una crisi di governo? Dicono che potrebbe essere Renzi. Io conosco un po’ Renzi, anche se non benissimo. Io credo che, come dicono, possa anche avere legittimamente questo progetto, cioè sostituire Conte. Io gli consiglio di guardare all’esperienza di Salvini: distruggere un governo è facile, farne un altro è tutt’altra storia. Escludo comunque che ci sia un asse Renzi-Di Maio“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calenda: “Renzi come Macron? No, pare Mastella. Per Bellanova ci sono bande armate nel Pd? Vero, quella renziana era la più feroce”

prev
Articolo Successivo

Evasione fiscale, Davigo: “La gente si infuria per un borseggiatore ma non per chi non paga le tasse. Carcere? Meglio la confisca dei beni”

next