Un fatto di poco conto e un reato che – se commesso – non è perseguibile. La Procura della Repubblica di Ravenna non ha intenzione di procedere contro i tre agenti della scorta di Matteo Salvini che il 30 luglio tentarono di impedire al giornalista di Repubblica Valerio Lo Muzio di riprendere la scena del figlio dell’allora ministro dell’Interno che dalla spiaggia di Milano Marittima, dove era in vacanza col padre, partì per un giro su una moto d’acqua della polizia guidata da un agente. La Procura , infatti, ha chiesto al gip di archiviare l’inchiesta per “tenuità del fatto”.

Il fascicolo era stato aperto pochi giorni dopo l’accaduto, con due ipotesi di reato: violenza privata – tentata o consumata – e peculato d’uso. “Mio figlio sulla moto d’acqua della polizia? Errore mio da papà“, aveva commentato l’allora ministro dell’Interno, che aveva aggiunto aggiunto: “Nessuna responsabilità va data ai poliziotti, che anzi ringrazio perché ogni giorno rischiano la vita per il nostro Paese”.

Lo Muzio aveva filmato il ragazzo mentre faceva un giro su una moto d’acqua guidata da un agente. Mentre stava riprendendo, però, il giornalista di Repubblica era stato affrontato da altri tre agenti che avevano cercato di impedirglielo. Il Viminale – su richiesta della Procura – aveva identificato i cinque agenti coinvolti nella vicenda: i due addetti alla moto d’acqua e i tre che avevano invece cercato di evitare che il reporter di Repubblica riprendesse la scena. Per i primi due la vicenda era parsa sin da subito risolversi con un procedimento disciplinare interno alla Polizia, senza sfociare in un’azione penale. Gli altri tre, invece, sono stati indagati dalla procura ravennate e sono stati sentiti nelle settimane scorse.

Lo Muzio e i suoi legali stanno valutando se opporsi o meno alle richiesta di archiviazione avanzata dalla Procura ravennate. “La richiesta”, ha commentato il giornalista, “sancisce che un reato è stato commesso, a prescindere dal fatto che il giudice decida di archiviare o meno il fascicolo. Intanto sappiamo che una limitazione al diritto di cronaca c’è stata“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Matteo Armellini, confermate in Appello cinque condanne per la morte del giovane schiacciato dal palco nel 2012

next
Articolo Successivo

Strage di Ustica, così gli studenti hanno restaurato il relitto dell’Itavia: “Eravamo in soggezione, poi ci siamo sentiti utili”

next