Come già avvenuto in primo grado per Ernesto Carbone, membro della segreteria del Pd, è arrivata un altro verdetto favorevole da parte del Tribunale civile. A essere condannata a pagare le spese è la Sin, la società controllata dall’Agea e nata per sviluppare e gestire il Sistema informativo agricolo nazionale.

La società aveva contestato all’ex deputato dem la spesa di oltre 23mila euro di spese personali effettuate quando era amministratore delegato di Sin tra il 2011 e 2013. Soldi che, stando alla società, Carbone aveva speso per ristoranti, viaggi e trasferte, noleggio auto con conducente e viaggi in treno con la carta di credito aziendale. Le spese come avevano motivato i giudici di primo grado erano “state oggetto di rimborso da parte del socio pubblico di maggioranza Agea che in forza dell’articolo 7 dell’atto di struttura è tenuta a rimborsare a Sin le spese previste nel bilancio di previsione dei costi di struttura e degli organi sociali”. Quindi nessun danno patrimoniale per la Sin.

Quando nel 2014 era emersa la vicenda Carbone aveva definito la causa “atto ritorsivo nei suoi confronti ricordando che di aver lasciato la società “con un incremento degli utili di circa il 30%” anche per la riduzione dello “stipendio da 480mila a 60mila euro lordi”, aveva eliminato benefit e tagliato stipendi. “Mi è capitato di bloccare dei pagamenti al collegio sindacale e questo, evidentemente, a qualcuno non è andato giù” aveva dichiarato al fattoquotidiano.it.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salerno, compravendita di sentenze: 7 arresti. Tra loro anche l’autore tv Casimiro Lieto che la Lega voleva alla direzione di Rai 1

next
Articolo Successivo

Matteo Armellini, confermate in Appello cinque condanne per la morte del giovane schiacciato dal palco nel 2012

next