di Carblogger

Da un mesetto, l’ufficio stampa di Alfa Romeo manda via email comunicati stampa che non assomigliano ai soliti comunicati stampa. Cosa ancora più curiosa è che provengono dallo stesso ufficio Press Office Fca Italy dal quale arrivano altri comunicati stampa che sono identici a tutti gli altri comunicati stampa.

Oltre ad avere una impaginazione diversa, quelli dell’Alfa Romeo hanno titoli e contenuti inusuali per il settore. Alcuni suonano così: “Tutti dicono Suv…” e giù non il solito testo, ma parole e accenti coloriti per sostenere la superiorità del proprio prodotto sul resto del mondo. Concetto che altrove è contenuto addirittura nel titolo, tipo “Alfa Romeo e Nurburgring: un caso di superiorità”, e così via.

Ciò che colpisce è che i testi sono delle vere e proprie tirate, di cui non c’è traccia nel linguaggio solitamente paludato dei comunicati di tutti i costruttori. Non so se questa tecnica ottenga i risultati sperati. E’ certo però che Alfa Romeo avrebbe comunque bisogno di battere un colpo (e farlo arrivare), essendo in mezzo a guai grossi di vendite dopo il tentato rilancio da parte di Sergio Marchionne per cui servono una montagna di soldi.

L’esperimento all’Alfa Romeo nel linguaggio mi ricorda – fatte naturalmente le dovute proporzioni – un famoso testo pubblicitario di Cadillac apparso in America per un solo giorno nel 1915 sul Saturday Evening Post dal titolo “The Penalty of Leadership”. Firmato da un copy di nome Theodore McManus, quel testo è stato tramandato dai libri di storia come una delle più riuscite comunicazioni pubblicitarie di tutti i tempi.

Andate a leggerlo sul web, ma la sintesi è questa: senza mai citare Cadillac né raccontare le prerogative delle sue auto, la tirata esalta l’identità del marchio e la sua superiorità rispetto agli altri brand del lusso, che allora (come oggi) erano europei.

Non voglio dire che all’ufficio stampa di Torino debbano cancellare Alfa Romeo dalle prossime tirate (sono pure passati più di cent’anni da McManus), ma è noto che conoscere il passato ispira il futuro. E siccome il linguaggio oggi è molto, se non tutto, ben vengano gli esperimenti. Che poi funzionino, pure ai tempi del copia e incolla, al solito è un’altra storia.

@carblogger_it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alfa Romeo Tonale, in rete spuntano gli scatti della versione definitiva in commercio dal 2021

next
Articolo Successivo

Fca-Psa, Tavares guiderà la nuova società. In una simile impresa serve un uomo solo al comando

next