Sale a 70 il numero delle vittime del tifone Hagibis che da sabato notte sta mettendo in ginocchio la zona centro orientale del Giappone. Almeno 16 i dispersi e oltre 200 i feriti secondo l’ultimo bollettino della televisione pubblica Nhk. Numeri però destinati a salire nelle prossime ora come riferiscono le autorità locali.

I disagi sul territorio sono tanti: fino a lunedì pomeriggio più di 40mila abitazioni nell’area metropolitana di Tokyo sono state senza elettricità, così come altre 30mila nelle città di Nagano, situata al centro dell’arcipelago. Forti venti e piogge torrenziali si sono abbattuti, senza tregua, in 36 delle 47 prefetture, così chiamate le divisioni territoriali di primo livello in cui è suddiviso il Paese, provocando frane e allagamenti. Nella capitale i servizi ferroviari sono quasi interamente tornati alla normalità e i voli domestici e internazionali dagli aeroporti di Haneda e Narita hanno ripreso il regolare servizio.

Secondo il ministero delle Infrastrutture nipponico, il passaggio del tifone ha provocato lo straripamento di almeno 21 fiumi in quattro diverse prefetture, mentre l’agenzia meteorologica nazionale (Jma), ha riferito che alcune località del Giappone centrale hanno dovuto fare i conti, in soli due giorni, con circa il 40% dell’ammontare delle precipitazioni che si verificano di solito nell’intero anno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Siria, soldati Assad con i curdi contro Turchia. Erdogan: “Attacchiamo Kobane e Manbij”. Trump: “In arrivo grandi sanzioni per Ankara”

prev
Articolo Successivo

Migranti, vasto incendio fuori dal centro di accoglienza dell’isola greca di Samos: 5mila persone evacuate

next