Greenpeace contro Generali. Alcuni esponenti dell’associazione ambientalista sono entrati all’interno di Palazzo Bonaparte, a Roma, sede della mostra “Impressionisti segreti” – sponsorizzata dal gruppo assicurativo – e hanno allestito un’esibizione alternativa: immagini di centrali a carbone e del conseguente cambiamento climatico, reinterpretate in stile impressionista. L’organizzazione green accusa infatti Generali di portare avanti investimenti nel settore, che più di tutti è responsabile della crisi climatica. “Se da una parte, in modo meritorio, Generali promuove arte e cultura, dall’altra continua a “sponsorizzare” quei combustibili fossili, come il carbone, che alimentano in modo sempre più pericoloso l’emergenza climatica in corso sul Pianeta”, dichiara Luca Iacoboni, responsabile della Campagna Energia e Clima di Greenpeace Italia. “Chiediamo al colosso assicurativo italiano di smetterla con questa ipocrisia e di abbandonare il carbone senza eccezioni, prendendo parte in maniera seria alla battaglia per salvare il clima”.

Negli anni scorsi, il gruppo assicurativo aveva fatto passi avanti in merito di politica ambientale, approvando, sotto la spinta di Greenpeace e altre organizzazioni verdi, la strategia Strategia sul Cambiamento Climatico , che prevede un disinvestimento importante proprio dal carbone. Tuttavia, gli ambientalisti criticano alcune “eccezioni”, che permetterebbero a Generali di avviare investimenti in aziende che non hanno piani di abbandono del carbone in linea con gli Accordi di Parigi, come PGE (Polonia) e CEZ (Repubblica Ceca). “Lo scorso anno avevamo applaudito il passo avanti di Generali, ma purtroppo le “eccezioni” che il gruppo triestino si è dato si sono rivelate talmente grandi da inficiare l’intera strategia”, conclude Iacoboni. “Non è possibile contrastare il riscaldamento globale e nel frattempo continuare ad assicurare alcuni degli impianti più impattanti d’Europa, sia in termini di emissioni che di inquinamento dell’aria. Generali abbandoni il carbone e metta da parte le eccezioni, altrimenti continuerà a essere uno degli sponsor di quel quadro inquietante che è l’emergenza climatica in corso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge Salvamare in discussione alla Camera: così i pescatori potranno recuperare rifiuti senza pagare i costi di smaltimento

next
Articolo Successivo

Extinction Rebellion, Scotland Yard vieta le proteste in tutta Londra. Per ora 1400 attivisti arrestati. XR: “Andremo avanti”

next