Li minacciava sparando verso di loro, oppure puntando l’arma alla gola. Così un imprenditore agricolo 35enne dell’agro pontino, Alessandro Gargiulo, costringeva i braccianti ad accelerare la raccolta e la lavorazione dei prodotti: venerdì è stato arrestato dagli agenti del Commissariato di Terracina. Le indagini hanno accertato che i lavoratori rimanevano nei campi sotto la costante minaccia di un fucile a pompa, utilizzato anche per evitare che, stremati, provassero a scappare. La sera del 10 ottobre scorso, all’ennesimo licenziamento di uno dei suoi operai, l’uomo ha reagito presentandosi nell’alloggio dei braccianti per dare loro una “lezione”: ha sparato più volte verso di loro, senza colpirne nessuno. E li ha anche minacciati puntando loro l’arma alla gola.

Il giorno successivo, venerdì, è stato arrestato in flagranza di reato. È accusato di sfruttamento del lavoro, minaccia aggravata con l’utilizzo di un fucile a pompa, lesioni personali, detenzione abusiva di munizionamento e omessa denuncia di materie esplodenti. L’indagine, nata dalla segnalazione di cinque braccianti agricoli di origini indiane, ha fatto emergere come il 35enne sottoponesse i braccianti agricoli (quasi tutti di nazionalità indiana) a condizioni lavorative degradanti, nonché pagandoli meno di quanto previsto dalla normativa. Li faceva alloggiare in strutture fatiscenti e per attuare il suo “regime” nei campi si avvaleva dell’aiuto di caporali con il compito di sorvegliare i lavoratori. Persone che sono state denunciate nella stessa operazione condotta dalla polizia.

Le indagini hanno ricostruito il modo in cui i bracciati venivano ripetutamente minacciati dal datore di lavoro: Gargiulo utilizzava armi da fuoco esplodendo colpi all’indirizzo dei lavoratori per spronarli ad accelerare la raccolta e la lavorazione dei prodotti. Venerdì gli agenti hanno deciso di intervenire, facendo irruzione nella villa dell’imprenditore agricolo. L’uomo, alla vista degli agenti, non ha opposto resistenza ma alla richiesta di esibire il fucile a pompa legalmente detenuto, ha cercato di simulare un furto. In realtà si era disfatto dell’arma grazie all’aiuto di altre persone, rintracciate e denunciate per favoreggiamento personale e porto abusivo di arma. Il fucile è stato sequestrato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aeroporti, il tribunale: “Sicurezza dei voli a rischio con scioperi di chi fa manutenzione ai radar, da ora decida il Garante”

prev
Articolo Successivo

Giornata vittime sul lavoro, nel 2019 già 700 morti. Mattarella: “Sicurezza è priorità sociale”

next