“Riverdale”, la serie tv popolarissima tra i giovani, nel primo appuntamento della quarta stagione, andato in onda ieri, ha omaggiato uno dei protagonisti più amati: Luke Perry. L’attore infatti interpretava il ruolo di Fred Andrews, padre del giovane Archie (KJ Apa). Quando sono terminate le riprese, Perry aveva avuto un ictus mortale. Lo scorso 4 marzo l’attore ha lasciato la sua famiglia, i colleghi e gli amici più cari all’improvviso. La produzione, così come tutto il cast, aveva dichiarato da subito che ci sarebbe stata una puntata commemorativa, dedicata al collega scomparso. Così è stato. La prima puntata della quarta stagione si intitola: “In memoria di Luke Perry 1966-2019”. Sin dall’inizio è chiaro come e in che modo gli sceneggiatori hanno montato le scene per giustificare l’assenza di un personaggio così importante.

Per non cadere nel tranello dello spoiler, vi sveliamo solamente che nella puntata è presente anche Shannen Doherty, che ha lavorato proprio con Luke Perry nell’altra serie tv cult “Beverly Hills 90210”. L’attrice avrà un piccolo ruolo chiave che consentirà di mettere assieme tutti i tasselli che chiuderanno, una volta per tutte e per sempre, l’addio all’attore. Secondo alcune indiscrezioni trapelate dal set, pare che al termine delle riprese della prima puntata, tutto il cast si è commosso, abbracciandosi e ricordando con affetto Perry.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Marco Columbro: “Ecco cosa spaventa gli Ufo e come mai non ci aiutano a risolvere i nostri problemi”

next
Articolo Successivo

Arriva il corso di laurea triennale per diventare influencer. Si svolge online e la retta per il primo anno è di 3900 euro: “Molte richieste d’iscrizione”

next