Disporre dell’account Microsoft sarà un requisito necessario per l’installazione della versione 1903 di Windows 10. Durante l’installazione dell’ultimo aggiornamento, infatti, è scomparsa l’opzione “Account Offline”, che permetteva di creare un account locale di Windows per avviare l’installazione.

È rimasto nella versione Professional di Windows, ma è scomparso da quella Home, usata dalla stragrande maggioranza dei consumatori. A questo punto è bene precisare che l’account Microsoft è un account unico per tutti i servizi Microsoft, che si crea mediante questa pagina web, fornendo un indirizzo valido di posta elettronica, un numero di telefono o il proprio nome utente Skype.

Proprio perché si tratta di un account unico, è probabile che molti lo abbiano già perché l’hanno usato per altri servizi, come ad esempio per il cloud OneDrive, Skype appunto o Office.

L’aspetto bizzarro di questa faccenda è appena terminata l’installazione si può depennare l’account appena creato con facilità. È sufficiente selezionare il pulsante “per saperne di più” presente sulla schermata di login. Verrà visualizzato il messaggio: “se preferisci non avere un account Microsoft associato al tuo dispositivo puoi rimuoverlo. Completa la procedura di installazione di Windows, quindi seleziona il pulsante Start e vai su Impostazioni>Account>Le tue informazioni e seleziona accedi con un account locale”.

Detto questo, chi ha confidenza con i sistemi operativi e i trucchetti non avrà difficoltà ad aggirare la nuova richiesta di Microsoft. Per bypassarla, infatti, basta togliere il computer dalla rete, staccando fisicamente il cavo o spegnendo il modem Wi-Fi a cui è collegato. Così facendo, al momento della creazione dell’account, apparirà il messaggio “qualcosa è andato storto” e sarà sufficiente cliccare il tasto “salta” per evitare la creazione dell’account.

A questo punto l’installazione procederà, e una volta terminata apparirà la domanda: “chi utilizzerà questo computer?”, da sempre presente nella fase finale dell’installazione. A questo punto si potrà creare un account offline ed accedere al sistema operativo come di consueto.

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Google cancella automaticamente la cronologia di YouTube e controlla che le password siano davvero sicure

next
Articolo Successivo

I problemi del traffico urbano si possono risolvere con il trasporto intelligente

next