L’incidente aereo del 21 settembre a Bergamo causa un’altra vittima. Dopo la morte sul colpo della figlia 15enne Marzia, non ce l’ha fatta neanche Stefano Mecca, morto venerdì all’ospedale Niguarda di Milano dove era ricoverato a causa delle gravi ustioni. L’uomo, 51 anni, era alla guida dell’ultraleggero, da pochi minuti decollato dall’Aero Club di Bergamo insieme alle sue tre figlie, due gemelle di 15 anni e una di 18, quando ha perso il controllo del veicolo.

A intervenire per primo sul posto era stato un ex poliziotto che aveva assistito all’incidente. Quella mattina era riuscito a salvare due delle tre ragazze e il padre. Le fiamme avevano poi impedito il soccorso a Marzia. Restano ancora ricoverate in ospedale le altre due sorelle, Silvia e Chiara. Sul caso indaga la Procura di Bergamo con il supporto della polizia di frontiera in servizio all’aeroporto di Orio al Serio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Palermo, nasce “via Giornale L’Ora”: per la 1ª volta in Italia una strada dedicata a una testata

next
Articolo Successivo

Omicidio Meredith Kercher, semilibertà per Rudy Guede: potrà collaborare con un Centro studi criminologici e tornare in carcere la sera

next