Un grosso maiale di cartapesta che sputa fumo dalla bocca e liquami dal didietro è apparso stamattina di fronte al Ministero delle Politiche Agricole a Roma portato dagli attivisti di Greenpeace Italia. L’organizzazione ambientalista, mentre è in corso a Helsinki il Consiglio informale dei Ministri Ue dell’Agricoltura sulla PAC (Politica Agricola Comune), chiede alla ministra Teresa Bellanova di “avviare un cambio di rotta per affrontare la crisi climatica in corso e tutelare la nostra agricoltura”, si legge nel comunicato. “Il rumore che sentite – spiega Simona Savini di Greenpeace Italia – simboleggia le migliaia di animali italiani allevati in modo intensivo.

Come tutti gli allevamenti intensivi del mondo contribuisce ai cambiamenti climatici in un modo che non è più sostenibile: i nostri allevamenti intensivi contribuiscono alla deforestazione attraverso la produzione di mangimi, contribuiscono ad innalzare il clima attraverso la produzione di gas serra e sono la seconda causa di particolato fine in Italia”. Greenpeace chiede che i finanziamenti europei dedicati agli allevamenti intensivi siano invece spostati verso le produzioni più piccole e sostenibili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Santo Domingo, sul fiume Lebron un flusso interminabile di rifiuti. L’appello accorato: “Serve coscienza”

prev
Articolo Successivo

Clima, Giorgia a Skyline: “Greta Thunberg è una speranza. Specchio di una generazione che si sta formando”

next