“Volevamo rispettare le leggi internazionale e portare i migranti in un porto sicuro. I porti libici non sono sicuri, violano i diritti umani costantemente, come hanno dimostrato diversi reportage. Riportare queste persone in Libia significava violare la convenzione di Ginevra sui diritti umani. Lampedusa era il porto sicuro più vicino“. Lo ha raccontato Carola Rackete, comandante della Sea Watch 3, intervistata in collegamento da Corrado Formigli, nella prima puntata della nuova edizione di ‘Piazza pulita’ su La7 ripercorrendo la vicenda della nave dell’ong tenuta bloccata per due settimane prima dello sbarco. La ragazza si è detta “pronta a tornare in mare a salvare vite” se ce ne sarà bisogno

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Renzi, Crepet: “È inascoltabile e incoerente, mi fa paura”. E accusa politica e media: “Questo Paese è vergognoso, ormai non voto più”

prev
Articolo Successivo

La7, Carola Rackete in collegamento per non prendere l’aereo: “Scelte personali importanti. Io ecologista, politica italiana non mi interessa”

next