Di colpo cade una finestra in classe e colpisce quattro studenti, durante la lezione. E’ successo in provincia di Genova, nella scuola media Alessi, a Pegli. I ragazzi, due maschi e due femmine fra i 12 e i 13 anni, sono rimasti feriti in modo lieve e sono stati trasportati all’ospedale Gaslini, dove sono stati ricoverati in osservazione in codice verde e poi dimessi nel pomeriggio. Gli accertamenti hanno evidenziato che solo un ragazzino seduto vicino alla finestra ha riportato un trauma frontale non commotivo e un risentimento toracico-addominale dovuto all’impatto. Altri due studenti hanno riportato un trauma frontale minore, e la quarta ragazzina un trauma occipitale minore.

Secondo le ricostruzioni svolte dagli agenti del commissariato Sestri, a causare la caduta sarebbe stata la cerniera, la parte su cui viene agganciato il serramento. Si sarebbe rotta mentre la finestra era chiusa. Il pezzo è stato messo sotto sequestro e i poliziotti trasmetteranno una informativa alla Procura per lesioni colpose a carico di ignoti. Dalle indagini è emerso che l’anno scorso presso la scuola era stato fatto un intervento di ristrutturazione: gli investigatori hanno acquisito tutta la documentazione in merito.

“Non sappiamo come mai sia caduta” ha detto la preside dell’Istituto comprensivo Pegli Iris Alemano, responsabile anche della scuola media Alessi. “Per fortuna i ragazzi non si sono fatti nulla di grave, ma spero che questa brutta vicenda possa servire a stimolare le amministrazioni pubbliche a investire più soldi nella sicurezza delle scuole”.

“Il nostro istituto – ha continuato la dirigente – è stato oggetto di alcune ristrutturazioni l’anno scorso. Ma ha anche una serie di rigidi protocolli in materia di sicurezza, così come altri dispositivi che in altre scuole non ci sono. Occorre però investire più soldi perché dobbiamo dare la certezza alle famiglie che i loro figli sono in un posto sicuro, in scuole sicure. E’ un atto di giustizia e di correttezza nei loro confronti”. La notizia ha allarmato i genitori delle altre classi e ha acceso la polemica in rete: “Sui social sono già stata massacrata di insulti e accusata. Ma ripeto, occorrono più fondi”, conclude la preside. Il pubblico ministero di turno potrebbe disporre una perizia su quanto successo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cordoni ombelicali “scomparsi”, presentata denuncia alla procura di Ginevra

prev
Articolo Successivo

Torino, scontri degli anarchici dopo sgombero dell’Asilo: tre arresti e 11 divieti di dimora

next