Dopo il bando statunitense e tutti i problemi che sono seguiti, molti si stanno chiedendo se gli smartphone Huawei riceveranno l’aggiornamento ad Android 10 e alla nuova interfaccia grafica EMUI 10. La risposta è arrivata nel corso della conferenza stampa ufficiale dell’azienda cinese a IFA 2019, quando è stato mostrato l’elenco ufficiale degli upgrade programmati, con tanto di tempistiche.

Com’era lecito aspettarsi, i primi a ricevere l’aggiornamento saranno i più recenti top di gamma, sia con marchio Huawei che quello Honor. A novembre 2019 apriranno le danze Huawei P30 e P30 Pro, seguiti a dicembre di quest’anno da Mate 20, Mate 20 Pro, Mate 20 RS Porsche Design, Mate 20 X (4G), Honor 20, Honor 20 Pro e Honor View 20. A marzo 2020 sarà invece il turno di P30 Lite, P20, P20 Pro, P20 Lite, Mate 10, Mate 10 Pro e Mate 10 Lite. Gli altri modelli riceveranno Android 10 con EMUI 10 nel secondo trimestre del 2020, ossia fra aprile e giugno.

L’elenco non stupisce, dato che come avevamo ampiamente anticipato, per chi già possedeva uno smartphone Huawei al momento dell’entrata in vigore del bando statunitense non ci sarebbero stati “effetti collaterali”: questi modelli continueranno a funzionare regolarmente ed è garantita l’assistenza post vendita, che comprende anche gli upgrade.

L’incognita riguarda i modelli annunciati dopo il blocco. I più attenti avranno notato che manca all’appello la serie Mate 30, che sicuramente debutterà con EMUI 10 ma non è certa la presenza di Android. O meglio, Huawei potrebbe installare la versione open-source di Android, che è priva di servizi e app Google. Per saperne di più bisognerà attendere la presentazione ufficiale, che è in calendario per il prossimo 19 settembre.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple Watch Serie 5 in arrivo il 20 settembre, i prezzi partono da 459 euro

next
Articolo Successivo

Cambiare colore alle scarpe tutti giorni? Si potrebbe fare con la vernice futuristica sviluppata dal MIT

next