Il numero di smartphone in circolazione continuerà a crescere, tanto che il prossimo anno saranno 4 miliardi i dispositivi attivi, con un incremento del 5% rispetto al 2019. A fare da traino saranno i dispositivi con sistema operativo Android, che però dominerà meno rispetto ad ora. I dati sono snocciolati nella nuova relazione di Strategy Analytics, e la sorpresa è il motivo che gli analisti adducono alla possibile frenata di Android: l’introduzione di Harmony OS, com’è conosciuto il sistema operativo proprietario che Huawei dovrebbe annunciare non appena possibile.

La piattaforma software, il cui sviluppo è iniziato in tempi non sospetti e accelerato per via del bando del Governo Statunitense, dovrebbe essere diffusa dapprima sul mercato cinese (tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020), quindi espandersi gradualmente verso altri mercati esteri. La Cina sarebbe un campione di test ideale per valutare la portata delle prestazioni. Sempre che il divieto di fare affari con Google fosse confermato. Se non lo fosse non è detto che Harmony OS venga pensionato sul nascere, perché l’instabilità dei rapporti USA-Cina potrebbe comunque presagire problemi futuri, da cui sarebbe bene tenersi a distanza. Inoltre, il mercato cinese da solo basterebbe per ridimensionare la diffusione di Android.

Foto: Depositphotos

Il sunto è che, comunque vada, il mercato smartphone potrebbe vivere una piccola ripresa nel 2020 – probabilmente anche grazie alla diffusione del 5G – ma i due sistemi operativi che al momento dominano incontrastati la scena potrebbero trovarsi a spartire le quote con un terzo competitor. Sono previsioni, al momento non ci sono certezze né sull’annuncio di Harmony OS né sugli sviluppi dell’affaire Cina-USA.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Aggiornare il curriculum online per cercare lavoro, ma la metà degli italiani non lo fa

prev
Articolo Successivo

Volete uno smartphone in miniatura? Palm ha uno schermo da 3,3 pollici e costa 349 euro

next