A chi non piacerebbe avere un paio di scarpe per ogni colore possibile di abbigliamento, o poter cambiare colore ai capi da indossare a seconda dell’umore del giorno? I ricercatori del Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) del Massachusetts Institute of Technology hanno lavorato al progetto “PhotoChromeleon”, sviluppando un inchiostro speciale che consente di cambiare colore agli oggetti quando esposti a determinati tipi di luce. Lo scambio di colori può essere facilmente invertito, garantendo virtualmente infinite personalizzazioni.

L’autore principale dello studio, Yuhua Jin, spiega che con questo prodotto “gli utenti possono personalizzare quotidianamente i propri effetti personali e l’aspetto, senza la necessità di acquistare lo stesso oggetto più volte in diversi colori e stili”.

Per ottenere questo “inchiostro magico” i ricercatori hanno sciolto in una vernice trasparente i coloranti fotosensibili ciano, magenta e giallo. Illuminando le superfici trattate con una luce UV si ottiene una piena saturazione. Per vedere il risultato ottenuto, gli scienziati li hanno applicati su modelli 3D che sono stati posizionati in una scatola con un proiettore e luci UV: i colori si potevano attivare e disattivare tramite un banale programma per computer. La tecnica è stata applicata anche su un modello di auto, una custodia per smartphone, una scarpa e un camaleonte giocattolo, e la colorazione è rimasta visibile per un tempo compreso fra 15 e 40 minuti, a seconda delle dimensioni e della forma dell’oggetto.

La ricerca sarà presentata in occasione dello User Interface Software and Technology Symposium che si terrà a New Orleans dal 20 a l 23 ottobre. Successivamente il gruppo lavorerà fianco a fianco con ricercatori di scienze dei materiali per migliorare i coloranti fotosensibili e ampliare i processi di fabbricazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Smartphone Huawei che si aggiorneranno ad Android 10, ecco l’elenco

prev
Articolo Successivo

Messaggi di spam nel calendario di Google, ecco perché appaiono e come liberarsene

next