Dal Movimento 5 “stallo” al presidente “Gentilone”. Ma anche le piccole e medie “inglese” e un Pd che ha paura delle paure (?) della Lega. Il capogruppo del Partito democratico, Andrea Marcucci, interviene in Senato per esprire il voto favorevole del gruppo parlamentare che rappresenta al governo Conte 2. Ma il suo discorso, di poco più di dieci minuti, è condito di scivoloni linguistici e frasi poco comprensibili. Il senatore, insieme al capogruppo a Montecitorio, Graziano Delrio, ha condotto gli incontri col M5s per la formazione del nuovo esecutivo. Emozione, in Aula, o più semplicemente stanchezza?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvini contro il portone di Montecitorio: “Sprangarlo è sfregio al popolo”. Fico: “Chiuso per lavori. Non conosce Parlamento”

prev
Articolo Successivo

Rousseau, il sondaggio: la piattaforma piace al 94% degli iscritti M5s. Casaleggio: ‘Su democrazia partecipata punto di riferimento mondiale’

next