“Genetliaco, latore, logomachia, ferace, monade, perspicuo”. Nel lungo discorso, naturalmente politico, al Senato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha piazzato qui e lì piccole pepite semantiche. In aula, in cui non sono mancati insulti e urla, il premier si è concesso anche una inaspettata e preziosa lezione di italiano.

Parole colte, dall’etimologia non complessa per studi superiori, ma certamente lontanissime dal vocabolario a volte molto povero della nostra politica. Il premier ha usato la prima parola subito per fare gli auguri di compleanno (di cui genetliaco è sinonimo) alla senatrice a vita Liliana Segre, poi ha proseguito il suo intervento promettendo di farsi latore ovvero portatore di un progetto, a cui la sopravvissuta all’Olocausto tiene particolarmente, ovvero l’osservatorio contro l’hate speech. Ed è così che piano piano l’avvocato del popolo è salito, come dire, in cattedra. Nel discorso è spuntata la logomachia -come sinonimo di disputa verbale – e la monade, concetto del filosofo tedesco Leibniz, per ribadire la necessità di aprirsi e collaborare.

Un sussulto di stupore è arrivato quando poi ha pronunciato ferace che, stando al sito della Treccani avrebbe una sola occorrenza, e che significa fertile o fecondo, per parlare di Africa e dei piani di investimento da programmare in Europa. Quando un mormorio è salito su dai banchi – perché si sottolineava la differenza tra i vocaboli nemici e avversari – il professore ha detto: “Non abbiate paura delle parole“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, Conte: “Sui migranti c’è disponibilità per meccanismo temporaneo di condivisione. Chi non accoglie penalizzato su piano finanziario”

next
Articolo Successivo

Governo Conte 2, Appendino: “Mi ha chiamato Di Maio e mi ha chiesto di fare la ministra. Ma ho risposto che preferivo rimanere sindaca”

next