“Genetliaco, latore, logomachia, ferace, monade, perspicuo”. Nel lungo discorso, naturalmente politico, al Senato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha piazzato qui e lì piccole pepite semantiche. In aula, in cui non sono mancati insulti e urla, il premier si è concesso anche una inaspettata e preziosa lezione di italiano.

Parole colte, dall’etimologia non complessa per studi superiori, ma certamente lontanissime dal vocabolario a volte molto povero della nostra politica. Il premier ha usato la prima parola subito per fare gli auguri di compleanno (di cui genetliaco è sinonimo) alla senatrice a vita Liliana Segre, poi ha proseguito il suo intervento promettendo di farsi latore ovvero portatore di un progetto, a cui la sopravvissuta all’Olocausto tiene particolarmente, ovvero l’osservatorio contro l’hate speech. Ed è così che piano piano l’avvocato del popolo è salito, come dire, in cattedra. Nel discorso è spuntata la logomachia -come sinonimo di disputa verbale – e la monade, concetto del filosofo tedesco Leibniz, per ribadire la necessità di aprirsi e collaborare.

Un sussulto di stupore è arrivato quando poi ha pronunciato ferace che, stando al sito della Treccani avrebbe una sola occorrenza, e che significa fertile o fecondo, per parlare di Africa e dei piani di investimento da programmare in Europa. Quando un mormorio è salito su dai banchi – perché si sottolineava la differenza tra i vocaboli nemici e avversari – il professore ha detto: “Non abbiate paura delle parole“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ue, Conte: “Sui migranti c’è disponibilità per meccanismo temporaneo di condivisione. Chi non accoglie penalizzato su piano finanziario”

prev
Articolo Successivo

Governo Conte 2, Appendino: “Mi ha chiamato Di Maio e mi ha chiesto di fare la ministra. Ma ho risposto che preferivo rimanere sindaca”

next