Mia mamma non c’è più dall’estate scorsa, dal 1 luglio 2018. Tante volte il suo essere apprensiva era motivo di litigio. Vivevamo insieme, i miei si sono separati, e litigavamo tantissimo, sulla quotidianità. Poi ti rendi conto che quando una persona ti manca, ti manca tutto di lei“. Così la nuova Miss italia, Carolina Stramare, ha parlato per la prima volta in pubblico della morte di sua madre, scomparsa l’anno scorso. La ragazza è stata ospite di Caterina Balivo nella prima puntata della nova stagione di “Vieni da Me” su Rai 1 e ha deciso di confidarsi: “Nessuno sapeva niente perché non volevo passare per vittima. Ma, umanamente, credo sia impossibile fingere un dolore del genere”, ha detto Carolina.

“Io amo i miei nonni, e amavo mia mamma che non c’è più dal 1 luglio del 2018. Mia mamma era bella, aveva mille pregi che una ragazza di 17 anni a volte non apprezza. Il suo essere apprensiva era causa di litigi, ma oggi li rimpiango – ha rivelato la giovane -. Quando mamma è morta mi sono estraniata, mio papà, poverino, è stato un po’ il mio capro espiatorio. Ero arrabbiata. Non con i miei nonni: io ho sofferto, ma loro hanno sofferto più di me”.

È stata la prima volta che Carolina Stramare ha parlato di sua madre: non lo aveva fatto neanche sabato sera scorso, quando è stata incoronata come più bella d’Italia. “Avevo paura a toccare questo argomento – ha spiegato a Caterina Balivo – Non volevo che passasse come vittimismo. Ho scelto di tutelare me stessa e ho deciso che non dovevo essere io a fare uscire questa cosa. Penso però che si sia capito quando ho elogiato i miei nonni”. Al termine del suo racconto, a sorpresa sono entrati in studio i suoi nonni, con cui lei vive da allora, e Carolina non ha più trattenuto le lacrime.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili