Scontro continuo tra la Lega e Giuseppe Conte durante l’intervento del presidente del Consiglio per il voto di fiducia al Senato. Dopo le scintille, gli attacchi incrociati con Matteo Salvini e le proteste in Aula, anche sulla questione immigrazione non sono mancate le frecciate del premier. “Basta concentrarci sullo slogan porti aperti o porti chiusi“, ha rivendicato Conte, per poi elencare quelli che saranno gli obiettivi del nuovo esecutivo, tra integrazione, rimpatri e accordi bilaterali, fino alla correzione dei Decreti Sicurezza targati Salvini “seguendo i rilievi del Colle”. Parole che hanno scatenato le reazioni furiose e gli applausi sarcastici del gruppo del Carroccio, al quale hanno replicato i senatori Pd e 5 Stelle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Richetti (Pd) a Conte: “Non ha la mia fiducia, ha messo la firma a norme vergognose”

next
Articolo Successivo

Governo, Paragone (M5s) si astiene: “Da sovranisti a euristi. Dite che cambierete l’Ue, ma vi ha già corrotto. Oggi flessibilità è solo morfina”

next