“Sono soddisfatto della squadra di governo, ma preferisco aspettare di vedere come lavorerà”. Nel giorno del giuramento del governo Conte due, alla festa de l’Unità di Milano, tra i militanti del PD la soddisfazione per il ritorno al governo si mescola allo scetticismo verso i nuovi alleati. “Me lo avessero detto due mesi fa avrei stracciato la tessera, ma oggi sono contento pur di aver fatto fuori Salvini”, commenta uno dei volontari mentre a pochi passi di distanza la segretaria del Pd Milano metropolitano Silvia Roggiani avrebbe preferito “vedere più donne nell’esecutivo”. I temi sui quali si registra una discontinuità più netta “sono il lavoro, l’immigrazione e il rapporto con l’Europa”. L’unica certezza sembra essere la poca fiducia nei confronti di Di Maio: “Non mi fido di lui ma noi del PD abbiamo più esperienza di loro. Se cadiamo noi, cadranno anche loro dunque interessa a entrambi fare un governo serio che duri”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Conte 2, Salvini annuncia presidio a Montecitorio durante il voto di fiducia: “Qualcuno farà finta di non conoscermi”

next
Articolo Successivo

Luigi Di Maio, primo messaggio da ministro degli Esteri: “Superare regolamento di Dublino, responsabilizzare l’Europa”

next