Guerra doveva essere. E guerra sia. Il governo è caduto, il clima è cambiato: probabilmente al Foro Italico si sentono rincuorati dal ritrovare a Palazzo Chigi i vecchi amici del Pd (anche se la delega è andata a Vincenzo Spadafora, uomo del Movimento 5 stelle con buone entrature a sinistra e nel mondo dei salotti romani, non certo inaccessabile per Malagò & co). Così dopo aver subito per mesi gli affronti del governo gialloverde, ora Giovanni Malagò va al contrattacco: si fa il suo nuovo Coni e porta via a Sport e salute (la nuova società creata da Giancarlo Giorgetti per amministrare lo sport italiano) dipendenti, uffici, logo e persino le macchine di servizio.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso ufficialmente è la riorganizzazione unilaterale del marketing, settore molto ambito ad entrambi, che era rimasta in sospeso nell’ultimo accordo firmato prima dell’estate con la promessa di ridiscuterne con calma in autunno. C’è chi maligna che la ragione vera siano invece i biglietti omaggio dello Stadio Olimpico, sfilati dalle generose mani di Malagò esattamente come era successo qualche mese fa per gli Internazionali del Foro Italico di tennis. Poco cambia. Nella giunta straordinaria del Coni, convocata appositamente per parlare dei rapporti con i neocoinquilini di Sport e salute, lo scontro è deflagrato definitivamente. Lunga discussione, toni accesi e alla fine una vera e propria dichiarazione di guerra.

Malagò va alla guerra. Anzi alla secessione. Si fa il suo Comitato, “magari ridimensionato, ma con una grande dignità”. Significa che il Coni si porterà via da Sport e salute tutto ciò che potrà prendersi, in base alle norme, alla carta olimpica e alle risorse che ha a disposizione (i famosi 40 milioni messi nero su bianco in manovra). Innanzitutto il personale: alla fine saranno 110 i dipendenti di Sport e salute assegnati al Coni (come già avveniva in passato per il Cip paralimpico, che ne ha 64); ufficio stampa, marketing, dirigenti vari, risorse umane preziosissime senza cui l’azione di Sport e salute partirà in handicap (e che quindi forse andranno sostituiti). Per far questo il Coni spenderà quasi tutti i 40 milioni, che magari avrebbero potuti essere messi a frutto in maniera più virtuosa che per sole spese di funzionamento: ma tant’è.

La divisione però non si limiterà agli uomini. Subito dopo viene il logo: i cinque cerchi olimpici sono del Coni, “Sport e salute se ne faccia un altro”. Si passa agli uffici: Palazzo H è da sentenza destinato in comodato ad uso al Coni fino al 2032. Significa che Sport e salute, che fino ad oggi condivideva l’ala dirimpettaia alla presidenza, sarà sfrattata?

“Io non posso cacciare nessuno, ma li invito a trovarsi una nuova sede”, dice Malagò. Se non è una lettera di sfratto, poco ci manca. E lo stesso vale per lo Stadio dei marmi e per altre aree del Foro Italico che la società di servizi utilizzava abitualmente per eventi e manifestazioni (tra cui in primis gli Internazionali di tennis). Si arriva persino agli sponsor, e quindi alle macchine: tutte le vetture di servizio sono messe a disposizione da Toyota in virtù dell’accordo commerciale. Sottoscritto però col Coni: quando scadrà (nel 2024) e verrà rinnovato, il Comitato potrà escludere dai beneficiari la società governativa.

E lo stesso vale per Armani, Kinder, Coca Cola, tutte le principali firme che hanno accordi in essere ma che sono interessate a sponsorizzare il Comitato olimpico italiano e le sue nazionali, chissà se anche una Spa governativa con molta meno visibilità mediatica.

Insomma, una secessione totale, uno scenario apocalittico. Almeno a sentir parlare Malagò. Resta da vedere quali saranno le contromosse di Rocco Sabelli, cosa farà il nuovo governo M5S-Pd e il neoministro Spadafora. La guerra però intanto è dichiarata. Le strade di Coni e Sport e salute si separano. Sembra un finale scontato, ma in concreto potrebbe scatenare il caos: Sport e salute, che fino a pochi mesi fa si chiamava Coni Servizi Spa, era appunto una “società di servizi”, cassa e propaggine del Comitato olimpico, nata per stipendiare i suoi dipendenti, bandire le sue gare, fare in poche parole i suoi interessi. Ora così non sarà più. Chi sarà il vero vincitore dello scontro non è chiaro. Di sicuro ci perderà lo sport italiano.

Twitter: @lVendemiale

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mondiali di basket, una grande Italia fa paura alla Serbia per tre quarti: poi cede 77 a 92. Adesso la sfida alla Spagna verso i quarti

prev
Articolo Successivo

Europei volley femminile, l’Italia batte la Russia 3-1 ai quarti e vola in semifinale contro la Serbia. E torna l’incubo dei mondiali 2018

next