Pier Luigi Bersani, in uno dei dibattiti organizzati nell’ambito della festa per i 10 anni del Fatto Quotidiano, rispondendo a una domanda di Peter Gomez, ha spiegato le ragioni del mancato accordo sul nome di Stefano Rodotà come successore di Napolitano al Colle: “Vi dico la verità, i 5 stelle rifiutano gli incontri parlamentari. Ma quale parlamento può votare senza discutere una cosa che gli dice la piazza? Se al posto di Rodotà Rodotà la piazza dice Salvini Salvini, si accetta senza discutere? Quel movimento lì, come dicono i latini “è affaticato dalla sua grandezza”. Io sapevo che non erano in condizione di prendere una linea. Lo sapevo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Versiliana 2019, botta e risposta tra Calenda e Bersani sul governo Pd-M5s. “Accordo favorirà la Lega”, “No, è il contrario. Proviamoci”

prev
Articolo Successivo

Versiliana 2019, Di Matteo: “La politica non parla più di lotta alla mafia. Sottovaluta il problema”

next