Pier Luigi Bersani, in uno dei dibattiti organizzati nell’ambito della festa per i 10 anni del Fatto Quotidiano, rispondendo a una domanda di Peter Gomez, ha spiegato le ragioni del mancato accordo sul nome di Stefano Rodotà come successore di Napolitano al Colle: “Vi dico la verità, i 5 stelle rifiutano gli incontri parlamentari. Ma quale parlamento può votare senza discutere una cosa che gli dice la piazza? Se al posto di Rodotà Rodotà la piazza dice Salvini Salvini, si accetta senza discutere? Quel movimento lì, come dicono i latini “è affaticato dalla sua grandezza”. Io sapevo che non erano in condizione di prendere una linea. Lo sapevo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Versiliana 2019, botta e risposta tra Calenda e Bersani sul governo Pd-M5s. “Accordo favorirà la Lega”, “No, è il contrario. Proviamoci”

next
Articolo Successivo

Versiliana 2019, Di Matteo: “La politica non parla più di lotta alla mafia. Sottovaluta il problema”

next