Continuano le ricerche in provincia di Piacenza di Massimo Sebastiani ed Elisa Pomarelli, la coppia di amici di 45 e 28 anni scomparsa da quasi una settimana. Una vicenda sulla quale la procura di Piacenza ha aperto un fascicolo per sequestro di persona. Sul fronte delle indagini, condotte dai carabinieri, sono tante le segnalazioni e le testimonianze che continuano a giungere da parte della gente. Il titolare dell’area di servizio di Carpaneto in cui l’uomo è stato ripreso dalle telecamere nel pomeriggio di domenica scorsa ha riferito che il 45enne appariva nervoso e trafelato, e per giustificare la sua presenza in quel momento, ha riferito: “Elisa oggi non è voluta venire con me a fare un giro in campagna”.

Le operazioni di ricerca, coordinate dalla prefettura emiliana, proseguiranno anche domani e vedono impegnati centinaia di soccorritori tra cui vigili del fuoco, protezione civile, soccorso alpino e unità cinofile. Il campo base, grazie ad alcune tracce individuate nelle ultime ore, è stato spostato ancora più a monte, in una zona compresa fra i comuni di Lugagnano e Morfasso. Di Elisa non si sa più niente da dopo il pranzo tra i due a mezzogiorno, sempre di domenica, in una trattoria vicino a Carpaneto, nella campagna piacentina.

Intanto ieri il padre dell’uomo, Dante Sebastiani, contadino ultraottantenne in pensione, ha lanciato un appello al figlio: “Torna a casa da noi, e se hai fatto qualcosa di male pentiti“. Tra gli obiettivi dei soccorritori c’è soprattutto quello di individuare l’ipotetico rifugio, il ‘bunker’ di cui Sebastiani avrebbe più volte accennato agli amici nei giorni scorsi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, donna morta in casa: carabinieri cercano il compagno. Ipotesi omicidio-suicidio

prev
Articolo Successivo

Milano, uccisa in casa a coltellate. Fermato il marito: ha tentato di investire i poliziotti. “Violenze sui familiari iniziate già dal 2012”

next