Chi vuole tenersi in forma e monitorare non solo il proprio peso, ma anche la percentuale di grasso corporeo, la massa corporea e altri parametri, presto potrà prendere in considerazione Fitbit Aria Air, una nuova bilancia Bluetooth che sarà in vendita da metà ottobre al prezzo di 59,95 euro.

Analogamente agli smartwatch e ai fitness tracker dell’azienda, la bilancia si sincronizza con l’app Fitbit, che fornirà così una panoramica completa delle informazioni legate alla propria condizione di salute e sportiva. Tramite l’interfaccia appena rinnovata, ciascun utente potrà monitorare con un solo strumento attività, esercizio fisico, sonno, battito cardiaco, nutrizione, peso e tendenze nel tempo.

James Park, co-fondatore e CEO di Fitbit, spiega: “che si tratti di gestire il peso, di migliorare il livello di forma o di gestire una patologia cronica, abbiamo avuto un impatto significativo sulla vita di milioni di persone. Infatti, il 73% degli utenti Fitbit che ha impostato un obiettivo di perdita di peso, ha perso peso nei primi sei mesi a partire dal monitoraggio del peso – confermando la potenza della piattaforma Fitbit quando si tratta di aiutare gli utenti a raggiungere i loro obiettivi”.

Fitbit Aria Air dispone di numerose funzioni per la gestione del peso corporeo, gestibili mediante l’app sopraccitata. Il compito dell’utente è impostare un obiettivo, quindi registrare i pasti e la quantità di liquidi ingeriti. L’app userà queste informazioni, insieme ai dati rilevati con lo smartwatch e la bilancia, per calcolare e visualizzare le tendenze personalizzate. L’app inoltre si interfaccia con altre applicazioni di terze parti quali Strava, Runkeeper, Amazon Alexa, eccetera.

La concorrenza nel settore delle bilance Bluetooth è agguerrita, il valore aggiunto di Fitbit è nell’app che monitora attivamente una lunga serie di parametri al di là del peso. Oltre al prezzo allettante, perché in media i modelli ben fatti hanno prezzi superiori a 100 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gamescom 2019, alla fiera tedesca del videogioco abbiamo provato i principali titoli in uscita nei prossimi mesi

next
Articolo Successivo

iPhone 11 arriverà il 10 settembre, previste novità sulle fotocamere ma niente 5G

next