Finora il monitoraggio completo del cuore con lo smartwatch è stata una funzione esclusiva degli Apple Watch e di alcuni dei dispositivi con sistema operativo Wear OS. Ora anche chi possiede un indossabile Fitbit potrà beneficiare di una suite completa degli strumenti di screening della salute del cuore. La novità è dovuta all’accordo di condivisione dei dati sottoscritto da Fitbit con l’azienda Cardiogram, produttrice dell’omonima app. Si tratta di un servizio che utilizza i dati rilevati dallo smartwatch o dalle smartband per monitorare la condizione di salute come ipertensione, apnea notturna e molto altro.

Fin da ora si può scaricarla dallo store ufficiale di Google e di Apple e installarla. Occorrerà inserire le credenziali di accesso all’app Fitbit e autorizzare la condivisione dei dati. Funziona con tutti i dispositivi Fitbit dotati di un sensore di misurazione del battito cardiaco, come possono essere Fitbit Charge, Ionic, Versa, Inspire HR e Alta HR. Gli utenti potranno “passare” dalla propria app di Fitbit ai grafici, alle metriche e ai dettagli di Cardiogram e vedere come lo stress, la dieta e l’esercizio fisico influenzano il battito cardiaco.

L’app in questione sfrutta un algoritmo di Intelligenza Artificiale chiamato DeepHeart, che è progettato per individuare disturbi sulla base dell’elaborazione di tutti i dati provenienti dal monitoraggio delle attività quotidiane.

L’app è in lingua inglese, nella versione base è gratuita, quella Premium a pagamento ha in più la possibilità di condividere i dati con la famiglia e il medico. Chi avesse già installato l’app dovrà aggiornarla per fruire delle nuove funzioni.

Analogamente a quanto sempre sottolineato per Apple Watch, ricordiamo che le analisi dell’app Cardiogram non costituiscono una diagnosi medica e non rimpiazzano l’eventuale necessità di controlli medici professionali.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Smartphone: basta strisce nere e fori sullo schermo, le fotocamere frontali saranno invisibili

next
Articolo Successivo

Cronologia delle posizioni e delle attività di Google addio, si possono cancellare automaticamente

next