Finora il monitoraggio completo del cuore con lo smartwatch è stata una funzione esclusiva degli Apple Watch e di alcuni dei dispositivi con sistema operativo Wear OS. Ora anche chi possiede un indossabile Fitbit potrà beneficiare di una suite completa degli strumenti di screening della salute del cuore. La novità è dovuta all’accordo di condivisione dei dati sottoscritto da Fitbit con l’azienda Cardiogram, produttrice dell’omonima app. Si tratta di un servizio che utilizza i dati rilevati dallo smartwatch o dalle smartband per monitorare la condizione di salute come ipertensione, apnea notturna e molto altro.

Fin da ora si può scaricarla dallo store ufficiale di Google e di Apple e installarla. Occorrerà inserire le credenziali di accesso all’app Fitbit e autorizzare la condivisione dei dati. Funziona con tutti i dispositivi Fitbit dotati di un sensore di misurazione del battito cardiaco, come possono essere Fitbit Charge, Ionic, Versa, Inspire HR e Alta HR. Gli utenti potranno “passare” dalla propria app di Fitbit ai grafici, alle metriche e ai dettagli di Cardiogram e vedere come lo stress, la dieta e l’esercizio fisico influenzano il battito cardiaco.

L’app in questione sfrutta un algoritmo di Intelligenza Artificiale chiamato DeepHeart, che è progettato per individuare disturbi sulla base dell’elaborazione di tutti i dati provenienti dal monitoraggio delle attività quotidiane.

L’app è in lingua inglese, nella versione base è gratuita, quella Premium a pagamento ha in più la possibilità di condividere i dati con la famiglia e il medico. Chi avesse già installato l’app dovrà aggiornarla per fruire delle nuove funzioni.

Analogamente a quanto sempre sottolineato per Apple Watch, ricordiamo che le analisi dell’app Cardiogram non costituiscono una diagnosi medica e non rimpiazzano l’eventuale necessità di controlli medici professionali.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Smartphone: basta strisce nere e fori sullo schermo, le fotocamere frontali saranno invisibili

prev
Articolo Successivo

Cronologia delle posizioni e delle attività di Google addio, si possono cancellare automaticamente

next