In soli 4 mesi le richieste sono state “oltre 32mila, contro le circa 29mila totalizzate nell’intero 2018”. Parliamo delle richieste per il riscatto della laurea con lo sconto, il sistema agevolato, entrato in vigore il 29 gennaio di quest’anno con l’articolo 20 del dl 4/2019. Il Messaggero, che riporta i numeri, indica che “la maggior parte” delle richieste “arrivano dai lavoratori del privato (27.348), mentre quelle del settore pubblico si fermano a 5.149. L’incremento è stato forte soprattutto nei primi mesi di applicazione della misura: si passa infatti da 5.920 istanze a marzo, il mese in cui sono entrate a regime le nuove norme, a 7.020 in aprile fino alle 8.060 di maggio. A giugno si riscende a 6.267 e a luglio a 5.230″. La norma consente il riscatto fino a cinque anni, anche non continuativi, dei contributi per la pensione. Al comma 6 è previsto il riscatto agevolato dei periodi contributivi del periodo di studi, pagando un onere ridotto (circa 5mila euro annui).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo Conte 2, il rendimento del Btp cala fino a un nuovo minimo storico. Piazza Affari maglia rosa tra le borse europee

next
Articolo Successivo

Argentina, verso nuovo default: il governo Macri chiede di ristrutturare 101 miliardi di dollari di debito. Compreso quello con l’Fmi

next