MSI ha annunciato l’ampliamento della famiglia di notebook Dream Weaver indirizzata ai professionisti della creatività. I nuovi arrivati sono i modelli Prestige 14 e 15 e Modern 14, un portatile con design elegante e vivace mirato alla mobilità.

I primi due sono equipaggiati con processori Intel Core i7 di decima generazione e schermi True Pixel con risoluzione 4K UHD, calibrazione True Color e copertura della gamma cromatica pari al 100% dello spazio colore AdobeRGB. L’accuratezza cromatica promessa è molto alta, e gli utenti apprezzeranno le cornici ultrasottili.

I telai dei Prestige 14 e 15 sono realizzati in lega di alluminio con trattamento superficiale sabbiato e pesano rispettivamente 1,2 e 1,6 kg. Le cerniere consentono di inclinare il coperchio fino a 180 gradi, caratteristica utile quando si tengono presentazioni. Altro denominatore comune è la presenza di connessioni Wi-Fi 6 e di connettori Thundebolt 3.

Non sono stati diffusi nel dettaglio i dati tecnici, il produttore ha promesso che grazie alle nuove configurazioni i portatili della gamma Prestige assicurano prestazioni elevate anche nei lavori più difficili. L’informazione sarà verificata non appena saranno disponibili i modelli per i test. Altra promessa riguarda l’autonomia, che dovrebbe raggiungere le 16 ore per il modello da 15 pollici e oltre 10 ore per quello da 14 pollici.

Passiamo a Modern 14, il compatto da 14 pollici che ha un peso di 1,19 kg e mantiene caratteristiche hardware di tutto rispetto, con un’autonomia fino a 10 ore. La presentazione ufficiale è in programma durante l’IFA di Berlino, che si terrà dal 6 all’11 settembre nella città tedesca.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dati personali degli utenti europei più al sicuro grazie al progetto Credential

prev
Articolo Successivo

New Music Daily è la nuova playlist di Apple Music aggiornata quotidianamente, per chi ama le novità

next