Asus ha annunciato la disponibilità in commercio del monitor curvo Designo Curve MX38VC, che si distingue per alcune caratteristiche accessorie molto interessanti. La chicca è la base d’appoggio che integra un caricatore wireless Qi da 15 watt che ricarica automaticamente i dispositivi compatibili appena li si appoggia. Una comodità sia in ufficio sia a casa, che conferisce un tocco di originalità a un prodotto che di per sé è interessante, anche se non inedito.

Lo schermo ha una diagonale utile di 37,5 pollici e risoluzione di 3.840 x 1.600 pixel, che vede il suo punto di forza negli angoli di visualizzazione di 178 gradi. Ottimo da usare per la produttività e buono come supporto per giocare, questo pannello con cornici sottili e tecnologia IPS ha un rapporto di forma di 21:9, una luminosità che raggiunge 300 candele al metro quadro e una copertura colore pari al 99% della gamma sRGB.

La curvatura rende i contenuti più coinvolgenti, favorendo l’uso di videogiochi, grazie a anche a un tempo di risposta di 5 millisecondi, che è un valore buono anche se non da record. Sul fronte multimediale è anche di grande aiuto il comparto audio in dotazione, che include altoparlanti Harman Kardon di qualità superiore rispetto alla media di quelli montati sui monitor. L’ampio spazio orizzontale permette agevolmente di lavorare in multitasking affiancando più applicazioni

Rispondono poi all’appello Bluetooth 5.0 per la riproduzione di contenuti audio wireless da dispositivi mobili distanti al massimo 10 metri, anche mentre il monitor è in standby, e un connettore USB C che consente di ricaricare la batteria del notebook mentre si lavora. Nella valutazione sono da tenere in conto il prezzo di 1.399 euro che non è accessibile a tutti, e la mancanza del supporto HDR.

Le specifiche tecniche complete sono sul sito ufficiale Asus.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ecco perché iOS 13 allungherà la vita alle batterie degli iPhone

next
Articolo Successivo

Un’app per smartphone può aiutare a gestire l’emicrania

next