Si ubriaca a un battesimo a Manchester e poche ore dopo si ritrova a Ibiza. L’assurda storia di Rachael Wynn, come immaginabile, sta facendo il giro del mondo. La ragazza inglese di 32 anni stava partecipando a una cerimonia, al rinfresco aveva alzato un po’ troppo il gomito e al rientro a casa aveva ricevuto un messaggio di un amico che si trovava sull’isola spagnola per festeggiare il compleanno. L’invito alla donna a raggiungerlo e Rachael ubriaca, dopo aver prenotato il volo, è arrivata in aeroporto in taxi con un’amica e si è imbarcata.

Un volo trascorso praticamente a dormire con un risveglio in qualche modo traumatico. All’arrivo la Wynn si è resa conto di dover lavorare il giorno successivo: “Ho provato a cercare subito un volo di ritorno, ma è stato impossibile. Ho avvisato il mio capo e provato a spiegargli che l’unico volo disponibile era tre giorni dopo, ma a lui non andava bene. Ho speso circa 800 euro in biglietti aerei e ancora non sono in grado di tornare a casa”, ha detto al Manchester Evening News.

La sbronza ha praticamente cancellato i suoi ricordi: “Non ricordo nulla, ma è stata sicuramente la cosa più stupida mai fatta in tutta la mia vita“, ha aggiunto la Wynn. La ragazza ora teme di perdere il lavoro e spera nella clemenza della sua azienda: “Il mio capo non è contento, ma credo che ora la sua ira si sia placata. Lui è un grande leader di una grande compagnia, perfetta per lavorare. Ora sarà deluso, ma con un po’ di fortuna, finirà per vedere il lato più divertente di questa vicenda.”

Nei giorni scorsi un ragazzo italiano di 28 anni era stato “vittima” non dell’alcol ma di una pennichella che gli aveva giocato un brutto scherzo. Si era addormentato su un materassino a Scilla, città in provicina di Reggio Calabria, risvegliandosi quasi a Messina dove era stato salvato nove ore dopo dalle forze dell’ordine.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

A otto anni ruba l’auto dei suoi e si “lancia” in autostrada. La prima volta riesce a fermarsi in una piazzola ma la seconda le cose non vanno bene

prev
Articolo Successivo

The Lion King, l’uomo che allevava i leoni ucciso da uno dei suoi animali (che poi sono stati tutti giustiziati)

next