Per uscire allo scoperto è servito un anno di tira e molla. Giovedì 22 agosto il patron della Sampdoria, Massimo Ferrero, e il consorzio di investitori che fa capo a Gianluca Vialli hanno diffuso il comunicato atteso dai tifosi, confermando l’esistenza di una trattativa, in stadio avanzato, per la cessione del club. Non solo: le parti annunciano di aver firmato una lettera d’intenti con cui si impegnano a confrontarsi in esclusiva per arrivare al closing entro la fine di settembre. Così la Samp, dopo il Milan, si candida a diventare la seconda squadra di A nelle mani dei big della finanza mondiale. Dietro Vialli, infatti, c’è la CalcioInvest Llc di Jamie Dinan e Alex Knaster: il primo americano, il secondo russo, a capo rispettivamente di York e Pamplona Capital Management, due fondi d’investimento di grosso calibro. Rispetto al caso rossonero, però, ci sono almeno due importanti differenze. La prima è che Dinan e Knaster dovrebbero investire i propri capitali privati – e non quelli dei fondi – nell’acquisto del club. La seconda è la scelta di non farsi rappresentare da un uomo d’affari ma da una leggenda della storia blucerchiata, quel numero 9 dello scudetto 1991 che insieme al “gemello del gol” Roberto Mancini occupa un posto speciale nel cuore dei tifosi.

Le indiscrezioni hanno iniziato a circolare lo scorso febbraio, ma i primi contatti tra le parti risalgono a settembre 2018. Poco più tardi Vialli avrebbe parlato in pubblico del suo tumore al pancreas. L’ostacolo alla riuscita dell’accordo è sempre stato, ed è ancora, il prezzo: Ferrero vuole monetizzare subito e il più possibile, ottenendo liquidità con cui pagare i debiti milionari contratti dalla sua holding Eleven Finance nel business immobiliare e del cinema. Il vulcanico presidente ha chiesto fin dall’inizio 100 milioni di euro cash, mentre l’offerta partiva da 47. Ma non ha abbassato il tiro nemmeno quando la cordata è arrivata a offrirne oltre 60 attraverso una serie di bonus, subordinati però a condizioni ancora da verificarsi (ad esempio, la rivendita dei gioielli Muriel e Bruno Fernandes o la permanenza della Samp in Serie A per le prossime due stagioni). L’impressione, a fine maggio, era che il tutto fosse destinato a naufragare: anche perché nel frattempo la comparsa di una trattativa parallela – quella con il fondo inglese Aquilor – ha consentito a Ferrero di tirare ancora di più la corda.

A sbloccare l’impasse ci ha pensato, ancora una volta, l’ex patron Edoardo Garrone, che pur avendo ceduto – o meglio regalato accollandosi pure 12 milioni di debiti – la Samp, ormai cinque anni fa, ha sempre garantito sostegno affettivo ed economico alle vicende del club. Il presidente di Erg e Sole 24 Ore ha accettato di anticipare 20 milioni, coprendo l’importo dei bonus e aumentando così la liquidità nelle tasche del Viperetta. Aggiungendo 9,2 milioni spettanti a Ferrero dalle cessioni di Joachim Andersen e Dennis Praet (operazioni che hanno portato un totale di 48 milioni nelle casse della Samp), altri 4 che verrebbero dai dividendi non riscossi e i 2,5 dell’attuale sede di Corte Lambruschini a Genova (che resterebbe al produttore) si arriva vicini ai 90 che dovrebbero rappresentare il punto d’incontro finale. Non è ancora detta l’ultima parola, però: qualche certezza si potrà avere solo quando le parti annunceranno il signing, la firma del preliminare d’acquisto vincolante garantito da penali, atteso intorno a metà settembre.

Per il popolo blucerchiato la presidenza Vialli è un sogno che porta indietro ai primi anni ’90 e alla Samp d’oro di Paolo Mantovani, il cui figlio, Enrico, è non a caso il maggior sponsor dell’operazione. I rapporti tra Ferrero e la piazza sono logori da tempo: non tanto per i risultati sportivi (sotto di lui la squadra ha ottenuto piazzamenti a metà classifica in linea con il valore della rosa) quanto per le performance mediatiche scomposte lontane anni luce dallo “stile Samp” che ha accomunato i presidenti più amati della storia del club, da Ravano a Mantovani ai Garrone. I tifosi non hanno mai perdonato a Ferrero alcune uscite giudicate irrispettose, come quando propose di modificare l’inno composto dai fratelli De Scalzi (“Sembra la filastrocca di Pinocchio”, disse in prima serata da Fabio Fazio) o quando, in un impeto autocelebrativo, si spinse a dire che la Samp prima del suo avvento “era conosciuta solo tra Recco e Chiavari, mentre ora ne parla il mondo”. Il punto di rottura è arrivato con l’indagine della procura di Roma che ha portato alla richiesta di rinvio a giudizio per truffa ed emissione di fatture false, con l’accusa di aver usato i soldi del club per pagare i propri debiti: un sospetto che i tifosi non sono disposti a tollerare. E tra il folkloristico produttore del Testaccio e i grigi businessman d’oltreoceano non hanno dubbi su chi scegliere. Soprattutto se garantisce il numero 9.

Twitter: @paolofrosina

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Maurizio Sarri, il tecnico della Juventus non sarà in panchina nelle prime due giornate di Serie A: salta il big match contro il Napoli

prev
Articolo Successivo

Serie A al via, fuga per lo scudetto: la Juve è favorita ma è un’incognita. Dal Napoli all’Inter: tocca alle altre partire bene e battere la noia

next