In occasione della fiera Gamescom 2019 in corso a Colonia, Dell ha svelato i nuovi prodotti Alienware indirizzati agli appassionati di videogiochi. All’esordio ci sono due PC desktop, due tastiere meccaniche, tre mouse e quattro monitor, di cui uno veramente fuori dagli schemi.

Fra i nuovi monitor spicca il modello Alienware AW5520QF, dotato di pannello OLED da 55 pollici con risoluzione di 4K, tempo di risposta di soli 0,5 millisecondi G2G (grey-to-grey, da grigio a grigio) e una frequenza di aggiornamento di 120 Hz, ossia l’immagine viene aggiornata 120 volte al secondo. Fra le caratteristiche degne di nota ci sono l’accuratezza dei colori pari al 98,5 % DCI-P3 e il supporto della tecnologia AMD FreeSync, che serve per ridurre al minimo artefatti grafici.

Dell 32 inch S3220DGF curved gaming monitor.

L’audio è affidato a due altoparlanti MaxxAudio, e per comodità si può controllare la riproduzione anche a distanza, mediante il telecomando in dotazione. La disponibilità è fissata per il 30 settembre, e il prezzo Oltreoceano è fissato a 4.000 dollari; i listini italiani non sono ancora disponibili, non c’è da aspettarsi prezzi stracciati.

Gli altri tre monitor annunciati sono destinati a coprire la fascia medio alta del mercato. L’Alienware AW3420DW ha in dotazione un pannello curvo da 34 pollici, fabbricato con tecnologia IPS e con risoluzione WQHD. Ha una proporzione di 21:9, una frequenza di aggiornamento di 120 Hz e supporta la tecnologia Nvidia G-Sync. Negli Stati Uniti sarà disponibile dal 28 agosto al prezzo di 1.500 dollari. L’Alienware AW2720HF è un modello da 27 pollici con una frequenza di aggiornamento di 240 Hz. La risoluzione si ferma a 1080p (Full HD), che è un valore standard per frequenze così alte, e supporta il FreeSync di AMD. Il prezzo sarà di 599,99 dollari, con disponibilità il 17 settembre. Chiude la carrellata di monitor il Dell S3220DGF, un modello curvo da 32 pollici con risoluzione QHD e supporto ad AMD FreeSync 2. Ha una frequenza di aggiornamento di 165 Hz e costerà 600 dollari.

Alienware AW3420DW gaming monitor.

Passiamo ai due nuovi desktop. Il primo è l’Aurora R9 Legend, un prodotto relativamente compatto (mid-tower) con processori Intel fino al Core i9-9900K e schede grafiche Nvidia GeForce GTX/RTX o le nuove proposte di AMD Radeon serie 5700. La configurazione include fino a 64 GB di memoria RAM e la connettività Killer Networking. Il prezzo della configurazione di base è fissato a 969,99 dollari. Passiamo poi al Dell G5 Desktop, il primo desktop serie G (serie precedentemente disponibile solo in versione portatile), indirizzato agli appassionati di giochi che desiderano una macchina abbastanza potente da gestire le ultime uscite del mercato videoludico, senza spendere cifre altissime. Le configurazioni includono processori fino al Core i9 serie K, schede grafiche Nvidia GeForce o AMD Radeon, e i prezzi partono da 750 dollari.

Per quanto riguarda le due tastiere, la prima AW510K sfrutta gli interruttori più reattivi disponibili in commercio, con retroilluminazione RGB, per soddisfare le esigenze dei giocatori più esigenti. Chi cerca un prodotto essenziale farà meglio a puntare sulla AW310K, con tasti azionati da interruttori classici e retroilluminazione monocromatica. I prezzi sono rispettivamente di 160 dollari per la AW510K e di 100 dollari per la AW310K.

Dei tre mouse, il modello AW610M è un prodotto che si può usare con e senza cavo, assicura una frequenza di aggiornamento di 1000 Hz. Con la batteria ricaricabile integrata promette una durata fino a 350 ore. L’AW510M presenta le medesime caratteristiche, ma si usa solo con il cavo. Chiude l’AW310M, un modello solo wireless che promette fino a 300 ore di autonomia. I prezzi sono rispettivamente di 99,99 dollari, 74,99 dollari e 62,99 dollari.

Infine, Dell ha annunciato che svelerà numerose novità che riguardano l’Alienware Arena, la piattaforma lanciata nel 2009 dedicata ai fan del marchio, per i quali è stata elaborata una nuova esperienza, in particolare per quanto riguarda l’utilizzo da mobile.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cara ‘Bestia’, ora ti sei inceppata: c’è qualcosa che non puoi manipolare

prev
Articolo Successivo

Xiaomi Mi 9T Pro, lo smartphone da 450 euro con molti pregi e pochi difetti

next