Google ha creato un nuovo videogioco che si chiama Game Builder, e che permette di creare semplici videogiochi 3D in stile Minecraft, senza bisogno di saper programmare. In buona sostanza si tratta di uno strumento di programmazione tramite il quale si possono trascinare personaggi e scenari in una “sandbox” vuota (un ambiente di test o di sviluppo), per costruire un mondo personalizzato. Facendo poi uso dei comandi preimpostati, si possono creare le interazioni e far muovere personaggi e oggetti.

Il gioco proviene dalla cosiddetta “Area 120”, l’incubatore di Google per i progetti sperimentali, è gratuito e funziona sia su computer Windows che macOS. L’unico ostacolo, se così lo si vuole definire, è che è disponibile solo su Steam, la celebre piattaforma di distribuzione online di giochi. Chi non ha un account, per accedere e usare questo strumento deve registrarsi e crearne uno.

Uno degli aspetti interessanti di Game Builder è che ha una modalità cooperativa, quindi più persone possono creare un gioco insieme, e si possono anche condividere le proprie creazioni o dare un’occhiata ai giochi creati da altri.

L’idea è interessante nella misura in cui permette alle persone di cominciare a progettare un gioco senza avere alcuna esperienza nella codifica, e di imparare a farlo usando man mano funzioni più avanzate.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Wolfenstein: Youngblood, provato il nuovo capitolo dello sparatutto distopico di Bethesda

prev
Articolo Successivo

Google Foto ora mostra le anteprime dei video nella galleria

next