Piuttosto tiepida la prima reazione che arriva dalla sede del Pd, per bocca di Gianni Cuperlo. Lasciando l’ufficio di Nicola Zingaretti il componente della segreteria dem commenta le parole che Luigi Di Maio ha detto dopo l’incontro con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

“Il M5S chiarisca che cosa vuole. Quello che non può funzionare è la logica dei due forni: o la Lega o il Pd. Questo non è credibile, è uno schema che non ha funzionato un anno fa e si è dimostrato che il contratto di governo si è rivelato un fallimento. Dobbiamo capire che cosa il M5S vuole fare o è in grado di fare” afferma Cuperlo, che ribadisce “noi non siamo contrari al taglio dei parlamentari – ma chiarisce – dentro una logica di sistema equilibrata”. Noi abbiamo una posizione chiara e l’unica cosa che non si può fare è essere confusi – ribadisce Cuperlo – e mi auguro che il partito di maggioranza relativa esprima l’analoga chiarezza che per una volta è riuscita ad avere il partito Democratico”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Crisi, Di Maio: “Sono state avviate tutte le interlocuzioni per avere maggioranza solida. Non lasciamo affondare la nave”

prev
Articolo Successivo

Crisi, Mattarella invoca tempi brevi: “Nuove consultazioni martedì prossimo”

next