Ha sparato alcuni colpi di fucile ad altezza d’uomo per difendere un posto auto e ha ucciso zio e nipote di 60 e 30 anni e ferito in modo grave un terzo parente. E’ finita così una lite ad Ucria, piccolo paese dei Nebrodi che si trova in provincia di Messina. Dopo una fuga durata poche ore l’omicida, un uomo originario di Paternò (in provincia di Catania), è stato arrestato dai carabinieri dopo essersi barricato in casa. Le vittime si chiamavano Antonino e Fabrizio Contiguglia.

Subito dopo la sparatoria è scoppiata una violentissima rissa tra persone vicine alle due vittime e all’omicida. L’omicida è in stato di fermo, disposto dal pm di Patti Andrea Apollonio, ed è stato trasferito al carcere di Gazzi a Messina. Il ferito è in gravi condizioni all’ospedale di Patti. “La nostra comunità è sconvolta” ha detto Vincenzo Crisà, il sindaco di Ucria.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Torino, donna sequestrata in pieno centro e liberata dagli agenti. Fermati quattro tedeschi: il movente è una storia di recupero crediti

prev
Articolo Successivo

Roma, lite tra amici finisce a martellate: un 41enne all’ospedale in pericolo di vita

next