Sembrava un’impresa quasi impossibile, invece gli Azzurri della pallavolo ce l’hanno fatta. Con un 3-0 sulla Serbia l’Italia stacca il biglietto per le Olimpiadi di Tokyo 2020. Una lezione per gli avversari, che a settembre 2018 avevano sconfitto la squadra di Chicco Blengini all’esordio nella Final Six di Torino con un netto 3-0, sostanzialmente facendo dire addio alla Nazionale maschile alle semifinali del Mondiale. Reduci dalla maratona contro l’Australia, risolta soltanto al tie-break, gli Azzurri dovevano giocarsi il tutto per tutto per ottenere il pass per i Giochi, evitando così il difficile torneo europeo di gennaio 2020, e l’hanno fatto.

Al Palaflorio di Bari il match entra subito nel vivo con Simone Giannelli e compagni in totale controllo del gioco. Il set iniziale, quindi, fila via liscio, la Serbia sbaglia parecchio e Ivan Zaytsev e i suoi ne approfittano, chiudendo 25-15. Il secondo set si gioca più sul filo del rasoio con la squadra di Nikola Grbić che prova a recuperare, ma senza successo. Il capitano piazza l’ultimo allungo decisivo fa chiudere l’Italia 25-19. La terza frazione di gioco inizia in equilibrio, ma sul 18-16 gli Azzurri prendono il volo e arrivano alla vittoria lasciando gli avversari a 19, aggiudicandosi la qualificazione olimpica. Nella formazione iniziale le novità sono state Antonov e Anzani, confermati Giannelli in palleggio, opposto Zaytsev, al centro Piano, in banda Juantorena e libero Colaci.

I precedenti tra le due squadre sono 34, 19 successi per gli azzurri e 15 per i balcanici. L’ultimo, risale alla recente Nations League, poi, appunto il confronto ai Mondiali casalinghi dello scorso anno. Tornando leggermente indietro nel passato va ricordata la finale degli Europei 2011 persa per 3-1, stesso risultato con cui gli slavi si imposero nella finalina dei Mondiali dell’anno precedente.

Il successo della maschile arriva a una settimana dal trionfo della squadra di Daniele Mazzanti. Le ragazze della Nazionale, infatti, hanno battuto l’Olanda per 3-0 qualificandosi anche loro per le Olimpiadi del 2020.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ciclismo, Elia Viviani è campione d’Europa: battuto in una volata a due il belga Lampaert

next
Articolo Successivo

Serena Williams in lacrime si ritira dalla finale: il gesto dell’avversaria è da ovazione

next