Il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale è, come dice il nome stesso, una figura di garanzia. E le garanzie sono quanto di meno gradito a ogni pensiero illiberale, tanto più quando esso aspira a trasformarsi in potere effettivo.

Il Garante nazionale è stato attaccato dal Viminale con la crudezza alla quale ci ha abituati. Per aver svolto il proprio legittimo ruolo e aver chiesto informazioni a tutela delle persone private di fatto della libertà personale sulla nave di Open Arms (non possono scendere: perfino Salvini dovrà convenire su un dato tanto banale), si è sentito dire – non al baretto sotto casa da un passante ignorante dei meccanismi pubblici, ma da uno scranno governativo – di farsi i fatti suoi e piuttosto di pubblicare il suo stipendio.

Giusto per fare chiarezza:

1. Il Garante nazionale, che in questi anni ha svolto un lavoro eccezionale, è un organo collegiale composto da un presidente e due membri. Disquisire attorno alla cifra percepita dalle tre persone coinvolte – che sappiamo essere del tutto ragionevole – in cambio della loro incessante attività (visite continue e faticose a carceri, caserme, centri per migranti, voli di rimpatrio, strutture dove si eseguono trattamenti sanitari obbligatori, residenze per anziani, con contestuale produzione di dettagliatissimi report pubblicamente accessibili sul sito del Garante) è il segno della solita fanghiglia populista;

2. Il Garante è un organismo che in buona parte risponde a una richiesta delle Nazioni Unite ed è a loro che deve rendere conto, non al Ministero dell’Interno;

3. Il Garante è una figura a garanzia di tutti. Sembra scontato e inutile affermarlo, ma nulla più appare oggi come inutile o scontato. Il Garante è intervenuto a tutela dei migranti privati della libertà in una barca così come di Marcello Dell’Utri privato della libertà in un carcere e gravemente malato. Non sceglie le situazioni nelle quali intervenire in base al proprio capriccio bensì alle possibilità oggettive di mancato rispetto dei diritti delle persone;

4. Il Garante non è del Pd, così come oggi qualche giornale ha scritto. Il Garante non risponde ad alcuna parte politica. Il Garante è nominato dal Presidente della Repubblica, proprio in quanto sopra le parti e garanzia per ciascuno di noi nell’amara eventualità di vederci privata la nostra libertà personale. Tante volte nella storia italiana abbiamo assistito a nomine effettuate sulla base di spartizioni politiche e manuale Cencelli, ma questa volta tutt’altro: il presidente del collegio del Garante, Mauro Palma, ha ricoperto per anni alti incarichi internazionali sul tema della tortura e delle privazione della libertà, risultando uno dei massimi esperti in Europa;

5. Il Garante, come si è detto, non interviene nelle varie situazioni seguendo le proprie inclinazioni personali o la propria sensibilità, bensì nello spazio disegnato da tutto il complesso apparato di norme che regolamenta, a livello nazionale e sovranazionale, il modello di privazione della libertà rispettoso dei diritti umani. Quando il Garante richiede informazioni sulle persone trattenute a bordo di una nave o in altre circostanze, si rifà – in rigorosa punta di diritto – al rispetto o al mancato rispetto dei principi sanciti da Convenzioni internazionali alle quali l’Italia ha aderito, al rispetto o al mancato rispetto di norme dello Stato italiano in maniera di diritti umani, al rispetto o al mancato rispetto di standard affermati dalla giurisprudenza, citandoli in maniera puntuale e portando ogni riferimento normativo.

Il Garante non è una testa calda che fa il tifo per qualcuno contro qualcun altro e cui si può rispondere con uno slogan o con una frase offensiva: al Garante, in una società democratica, si risponde portando evidenza del fatto che l’autorità pubblica, nella situazione in oggetto, sta rispettando i diritti e la dignità di tutti. Questo si chiama stato di diritto. Quando invece la pubblica autorità si sente immune dal rispetto delle regole e sbeffeggia un organismo di garanzia irridendo la legalità e ostentando abusi di potere, allora si crea la cesura. È il punto di non ritorno. Bisogna scegliere se stare da una parte o da quell’altra.

Ricordo quando scoppiò il conflitto in Bosnia e sentivo le storie di chi raccontava che solo fino a pochi giorni prima era amico intimo del vicino di casa e pochi giorni dopo erano disposti a qualsiasi cosa l’uno contro l’altro. Non capivo, non riuscivo a crederci, a figurarmelo. Adesso lo stiamo cominciando a vivere anche in Italia. Come Antigone, faremo un esposto alle Nazioni Unite su quanto è accaduto in queste ore e sul tentativo di delegittimazione del Garante nazionale. Ma siamo prigionieri di un drammatico circolo vizioso: un esposto alle Nazioni Unite ha un senso solo per chi crede nel rispetto delle regole. Salvini ha smesso da tempo di giocare quella sana e democratica partita a scacchi che dovrebbe essere la politica. Salvini ha dato un calcio alla scacchiera. Purtroppo, è la scacchiera delle nostre vite e della sopravvivenza democratica del nostro Paese.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bologna, respinto il ricorso del Viminale contro l’iscrizione all’anagrafe di richiedenti asilo. “Vittoria in tempi bui per democrazia”

prev
Articolo Successivo

Adozioni, il tribunale dei Minori riconosce un 44enne single come padre di due bambini

next